Coronavirus in Italia e nel mondo

NEWS - Tutti gli sport(escluso il calcio)


News ginnastica da Federginnastica

News ginnastica da federginnastica

News
E' online il 3° numero del 2020 de Il Ginnasta: corri a leggere la rivista federale!

Tutte le notizie sulla ginnastica potete trovarli nel nuovo numero della nostra rivista federale! Infatti è online il terzo numero del 2020 de Il Ginnasta, da sfogliare comodamente sui vostri smartphone e computer in tutta serenità. E' il numero della Final Six di Artistica maschile e femminile disputatasi a Napoli e di quella di Ritmica a Torino; dei Campionati italiani Assoluti dei grandi e dei piccoli attrezzi e degli approfondimenti sul Parkour, sulle sue origini, sulla codificazione e sulla preparazione dei nostri atelti. Ma non è finita qui! Consultando le pagine della rivista troverete gli "album delle figurine" di tutte le squadre impegnate nei campionati di Serie A1 e A2 di Artistica e Ritmica. Davvero tantissimi argomenti e spunti da non perdere nel nuovo numero de Il Ginnasta, vi basterà cliccare sul link riportato di seguito! CLICCA QUI.

Data articolo: Tue, 19 Jan 2021 15:07:21 +0100
Vita Federale
Invito pubblico a manifestare interesse per gli incarichi negli organi di giustizia endofederale e nell'ufficio della procura federale

Alleghiamo l'invito pubblico a manifestare interesse per gli incarichi negli organi di giustizia endofederale e nell'ufficio della procura federale, previsti dallo statuto federale e dal regolamento di giustizia.

Data articolo: Mon, 18 Jan 2021 08:43:22 +0100
News
Roma - Il CDF approva le nomine dei nuovi Direttori Tecnici Nazionali

Nella riunione di ieri, da remoto, del nuovo Consiglio Direttivo Federale del quadriennio entrante (la foto di Simone Ferraro si riferisce alla seduta post-assemblea ordinaria del 15 dicembre scorso), la prima della stagione, si è andata a completare la squadra tecnica che guiderà la ginnastica azzurra nei prossimi anni, in un ciclo olimpico atipico che, salvo sorprese riguardo a Tokyo, vivrà due edizioni dei Giochi, quella del Sol Levante nell’estate del 2021 e a Parigi nel 2024. Per comprendere la stranezza di quanto ci attende basti pensare che l’anno venturo sarà già qualificante per la rassegna a cinque cerchi francese e che in quello in corso ci attendono pure Coppe, Europei, Universiadi e Mondiali, anche di discipline emergenti come il Parkour che, a fine marzo, Covid permettendo, celebrerà l’edizione inaugurale della sua rassegna iridata a Hiroshima. Ebbene il CDF, guidato dal rieletto cav. Gherardo Tecchi, ha preso atto della nomina da parte del Presidente Federale, previa consultazione con il CONI e sentito lo stesso Consiglio, ai sensi dell’art. 16 comma 1 dello Statuto Federale, dei seguenti Direttori Tecnici Nazionali:

Non ci resta che augurare buon lavoro a tutti i DTN, con l’auspicio di veder salire i ginnasti italiani sul podio e scendere la curva pandemica nel Mondo.

Data articolo: Sat, 16 Jan 2021 12:37:34 +0100
News
Julieta Cantaluppi relatrice del primo Master di Nazionale 2021 di Ginnastica Ritmica

Domenica 24 gennaio, dalle ore 9 alle 14, dall’Accademia Internazionale di Desio Julieta Cantaluppi sarà relatrice del Master Nazionale on-line dal titolo: “Tecnica degli elementi dinamici di rotazione e delle difficoltà di attrezzo. Esempi pratici per valorizzare il loro inserimento nelle composizioni individuali”. La Cantaluppi, dopo aver partecipato alle Olimpiadi di Londra 2012 come unica individualista italiana, ha concluso da pochi anni, la sua carriera agonistica. Molte le esperienze internazionali di successo, prima da atleta e ora da allenatrice. Le difficoltà di attrezzo giocano un ruolo fondamentale nella valutazione dell’esercizio ai fini del punteggio finale. È necessario che vengano inserite in modo logico nella composizione, valorizzate da collegamenti originali che permettano di apprezzare anche il lato artistico dell’elemento e dell’intera sequenza motoria. Altrettanto importante è l’attenzione alla pulizia della loro modalità esecutiva e al loro accordo con la musica. L’obiettivo del master è quello di dare sia indicazioni tecniche sia compositive per realizzare esercizi competitivi. L’incontro formativo, fortemente voluto dalla Direttrice Tecnica Nazionale di Ritmica, Emanuela Maccarani, sottolinea ancora una volta l’importanza dell’unità tra correttezza tecnica e componente artistica nella composizione degli esercizi di gara, per raggiungere alti valori nella tutela della salute psicofisica e del futuro delle ginnaste. Quale miglior inizio per la nuova stagione agonistica dei piccoli attrezzi?

Data articolo: Fri, 15 Jan 2021 14:59:52 +0100
News
Covid 19 - Protocollo del Ministero della Salute per la ripresa all'attività sportiva agonistica

È stato pubblicato il protocollo per l'idoneità e la ripresa all'attività sportiva agonistica in atleti non professionisti risultati positivi al Covid-19 e guariti e in atleti con sintomi suggestivi per Covid-19 in assenza di diagnosi da Sars-Cov-2.

Data articolo: Thu, 14 Jan 2021 10:03:24 +0100
News
Losanna - Cancellate le World Cup di artistica a Cottbus e trampolino a Baku. Stoccarda forse trasloca!

La pandemia legata al Covid-19 continua a falcidiare gli appuntamenti internazionali della ginnastica. La federazione internazionale ha annunciato la cancellazione di due eventi nelle discipline olimpiche: la Coppa del Mondo di specialità di artistica a Cottbus (Germania), in programma dal 25 al 28 febbraio, e quella di trampolino elastico a Baku (Azerbaijan), in calendario il 13 e il 14 febbraio. Per quanto riguarda l'All-Around World Cup di Stoccarda del 20 e 21 marzo, qualificante per i Giochi Olimpici, Losanna fa sapere che la Federazione tedesca sta valutando l'ipotesi di un cambio sede. Ne sapremo di più a fine gennaio. Rimandate anche tre tappe del circuito di World Cup di Acrobatica, a Oktyabrskiy, in Russia, a Maia, in Portogallo, e a Puurs in Belgio, nonché la Suzuki Cup d Aerobica che si sarebbe dovuta tenere nella capitale giapponese il 24 e 25 aprile. Davvero un pessimo presagio sulla ancora lunga e difficile Road to Tokyo.

.

Data articolo: Tue, 12 Jan 2021 00:46:34 +0100
News
Agnes Keleti, la ginnasta olimpionica più longeva al mondo, compie 100 anni

Agnes Keleti celebra il suo centesimo compleanno. La ginnasta ungherese è la più anziana campionessa olimpica vivente. Nata a Budapest il 9 gennaio 1921, di origini ebraiche, è sopravvissuta all'Olocausto, ed oggi festeggia il suo centenario con un’esibizione. "Mi sento bene, ma non mi piace guardarmi allo specchio, questo è il mio trucco per restare giovane!" ha detto nella sua casa di Midtown, a Budapest, la scorsa settimana. Cinque volte campionessa olimpica, Keleti, che iniziò a praticare ginnastica all'età di 4 anni, nel 1925, e a 16 si laureò per la prima volta campionessa, è la ginnasta magiara di maggior successo (nel corso della sua carriera, tra il 1937 ed il 1956, vinse per 10 volte il titolo nazionale) e, tra le donne, l'atleta ebrea più decorata della storia. Avrebbe potuto partecipare alle Olimpiadi estive già nel 1940, se non fosse stato per lo scoppio della Seconda Guerra Mondiale, che annullò la competizione sia nel 1940 sia nel 1944. Suo padre morì nel campo di concentramento di Auschwitz. Al termine del conflitto, riprese ad allenarsi e si qualificò per i Giochi di Londra del 1948, ma a causa di un infortunio dovette rinunciarvi. Nel 1952, a 31 anni, riuscì finalmente a prender parte, per la prima volta, alle Olimpiadi: ai Giochi di Helsinki ottenne 4 medaglie, tra le quali l’oro nel corpo libero. Due anni dopo, nel 1954, gareggiò ai campionati del Mondo, a Roma, dove si piazzò prima alle parallele asimmetriche. Ai Giochi di Melbourne vinse altre 4 medaglie d'oro e 2 d'argento, inoltre, a 35 anni, divenne la più anziana ginnasta ad aver vinto l'oro. A seguito della rivoluzione ungherese, che scoppiò proprio durante quelle Olimpiadi, scelse di restare in Australia e di ricevere asilo politico, assieme ad altri 44 atleti della sua delegazione. L'anno successivo, nel 1957, decise di non far ritorno a Budapest e di trasferirsi in Israele, ritirandosi dall'attività agonistica. Dopo lavorò come istruttrice di educazione fisica all'Università di Tel Aviv e al Wingate Institute a Netanya. Inoltre allenò e lavorò per la squadra nazionale israeliana di ginnastica artistica durante gli anni '90. Inserita nell'International Jewish Sports Hall of Fame nel 1981, nell'Hungarian Sports Hall of Fame nel 1991 e nell'International Gymnastics Hall of Fame nel 2002, la vediamo nella foto di Tamás Róth, estremamente felice, nel suo appartamento pieno di cimeli e ricordi olimpici, con foto e tazze esposte ovunque, mentre sfoglia una nuova biografia scritta dai giornalisti Sándor Dávid e Dezső Dobor per celebrarne il compleanno: "La regina della ginnastica, 100 anni di Agnes Keleti". La sua vita sembra il copione di un film e alla luce della drammatica pandemia da Sars-CoV-2 appare un inno alla resilienza olimpica. Vanta un altro record unico nella storia a cinque cerchi ungherese, avendo vinto tre medaglie d'oro nello stesso giorno e quattro, tutte insieme, in un’unica edizione dei Giochi. Un giornale una volta la definì "l'ottava meraviglia del mondo", anche se non all'epoca in cui la sua stella splendeva in pedana, ma decenni dopo, quando insegnava ginnastica e allenava le sue giovani eredi. Nonostante ciò la vita di Ágnes è stata piena di sofferenza. Grazie al suo spirito forte è riuscita a superare le avversità ed ha sempre trovato la via d'uscita per raggiungere la felicità. Ha vissuto la sua vita in due paesi: ha vinto le medaglie olimpiche per la sua patria natale, l'Ungheria, e ha dato alla luce due figli nella sua terra d'elezione, Israele. Ha lavorato in questo paese per decenni e alla fine si è guadagnata l'orgoglioso titolo di "madrina della ginnastica di Israele". Cento volte buon compleanno, Ágnes, anche da parte della Federazione Ginnastica d’Italia.

Data articolo: Fri, 08 Jan 2021 11:54:20 +0100
News
110 anni di azzurro, la maglia dello sport italiano colora anche i sogni dei ginnasti

È il colore del cielo, è diventato il simbolo del nostro Paese. Ha compiuto 110 anni la maglia azzurra, compagna di viaggio delle Nazionali italiane. Quella di calcio è stata la prima a adottare l'azzurro, diventato poi il colore anche di tutte le altre rappresentative sportive. "L'azzurro - dice il presidente della Figc, Gabriele Gravina - rappresenta emozione e condivisione. È il sogno di amicizia che supera i confini di un campo di calcio per unire un Paese intero". La maglia azzurra fece il suo debutto il 6 gennaio 1911 all'Arena Civica di Milano in occasione del match con l'Ungheria, terza partita della storia della Nazionale, otto mesi dopo il battesimo ufficiale avvenuto il 15 maggio 1910, quando l'Italia scese in campo vestita di bianco battendo con un perentorio 6-2 la Francia. In una Milano imbiancata dalla neve e davanti a 5.000 spettatori l'Ungheria si impone 1-0, la Nazionale non riuscì a riscattare la severa sconfitta (6-1) subita otto mesi prima a Budapest, ma dimostrò di aver compiuto importanti passi in avanti alla sua prima uscita in azzurro, scelto in quanto colore di Casa Savoia, la dinastia regnante in Italia dal 1861 al 1946. L'azzurro ha quindi sposato la Nazionale restandole accanto nella gioia e nel dolore, accompagnando i quattro trionfi Mondiali, il successo nell'Europeo del 1968, la medaglia d'oro olimpica, sino alle ultime vittorie della squadra guidata da Roberto Mancini. La maglia azzurra nelle sue diverse fogge, prima con lo scudetto sabaudo e poi con quello tricolore sul petto, è stata indossata da tutti i più grandi campioni del nostro calcio, oltre 800 atleti che in questi 110 anni di vita hanno avuto il privilegio di vestire almeno una volta la divisa della Nazionale. Il bianco della seconda maglia, il nero del Mondiale di Francia 1938 e il verde dell'amichevole del 1954 con l'Argentina, riproposto in chiave rinascimentale per la sfida delle qualificazioni europee con la Grecia nell'ottobre 2019, non hanno mai scalfito la predominanza dell'azzurro. "Indossare la maglia azzurra - sottolinea il ct della Nazionale Roberto Mancini - è il sogno di ogni bambino che inizia a giocare a calcio, un sogno che ho avuto la fortuna di realizzare e che continuo oggi a vivere con entusiasmo e passione nel ruolo di Commissario Tecnico. L'azzurro accomuna calciatori e tifosi, un colore simbolo di unità e coesione capace di avvicinare generazioni lontane e che ci fa sentire parte integrante di un'unica squadra". Anche la Ginnastica ha sempre onorato il suo azzurro, eccetto rare occasioni come ai Giochi Olimpici di Atene quando lo sponsor tecnico Freddy scelse il nero. Nonostante i body sfavillanti che caratterizzano le nostre discipline, l’azzurro è sempre stato nel cuore dei ginnasti e il fatto che sia il colore del cielo si addice particolarmente bene ad atleti abituati a volare, in pedana o tra gli attrezzi. “È un onore per noi indossare quella maglia – ha confermato Ludovico Edalli, che rappresenterà l’Italia per l’Artistica Maschile ai Giochi di Tokyo, insieme a Marco Lodadio – E tra l’altro, seppur con una sfumatura più scura è un colore che indosso anche con l’Aeronautica Militare”. Gli fa eco Alberto Busnari che l’azzurro l’ha vestito in ben quattro edizioni olimpiche: “Che sia un'amichevole, un Europeo, un Mondiale o le Olimpiadi quando si viene selezionati per indossare il body azzurro l’atleta ha già raggiunto il suo obiettivo. Perché in pedana non sei più da solo ma senti la responsabilità di rappresentare un intero movimento, che affonda le sue origini alla fine dell’Ottocento. Io conservo ancora gelosamente tutte le mie divise più importanti ed ho incorniciato i numeri dei pettorali di Sydney, Atene, Pechino e Londra. Sono cimeli, che conservo gelosamente”. Perché i sogni di solito si conservano nel cassetto, poi, una volta raggiunti, possono prendere la forma di una canottiera azzurra appesa nell’armadio.

Data articolo: Fri, 08 Jan 2021 17:02:29 +0100
News
Tokyo - Il Cio conferma, i Giochi si faranno! Intanto però l'Italia rischia di perdere bandiera e inno nazionale

La lotta al coronavirus continua ma i Giochi Olimpici non sono a rischio. Il premier Yoshihide Suga ha dichiarato lo stato d'emergenza per Tokyo, oltre che per altre tre prefetture, dopo il record di 2.447 casi di Covid-19 registrati in un giorno. Ma gli organizzatori ci tengono a precisare che la misura adottata "offre l’opportunità di pianificare per l'estate un'Olimpiade sicura. Andremo avanti secondo tutti i preparativi necessari". Lo stesso Cio, fa sapere la BBC, "ha piena fiducia nelle autorità locali e nelle misure che stanno adottando. Assieme ai nostri partner giapponesi, continuiamo a essere concentrati e a impegnarci per organizzare in estate un'edizione dei Giochi Olimpici e Paralimpici sicura e di successo". Spostata di un anno, Tokyo2020 inizierà il 23 luglio prossimo per chiudersi l'8 agosto. Intanto in una intervista al 'Mattino', il presidente del Coni, Giovanni Malagò, confessa la sua preoccupazione in vista della riunione dell'Esecutivo del Cio, che mercoledì 27 potrebbe decidere di far sfilare gli azzurri a Tokyo sotto la bandiera dell'Ioc (Atleti Olimpici Individuali), senza tricolore ed Inno di Mameli, per una 'mancanza di autonomia' del comitato olimpico italiano. "Da due anni l'Italia è in posizione irregolare nel sistema olimpico internazionale: siamo fuori dall'ordinamento - sottolinea il numero uno dello sport azzurro - Quanto richiesto a più riprese direttamente dal Cio al nostro governo, e promesso da Conte a Bach il 24 giugno 2019 quando furono assegnati a Milano e Cortina i Giochi invernali 2026, non è stato realizzato per un mancato accordo nella maggioranza del precedente governo e di questo. Per due anni ci sono state parole e parole. La legge delega per la riforma dello sport è scaduta nello scorso novembre e ora ci vorrebbe un decreto-legge. È una situazione negativa e preoccupante". "Se si risolverà nelle prossime ore? Il mio ottimismo è paradossalmente basato su questo: da tempo si sapeva che saremmo dovuti intervenire, stiamo per arrivare all'ultimo secondo e questo è il Paese in cui non c’è programmazione e nell'emergenza siamo abituati a dare il meglio di noi. La situazione è realisticamente e tristemente questa". Cosa rappresentano le Olimpiadi slittate al 2021 è presto detto: "Il momento della ripartenza dello sport mondiale e direi anche del pianeta perché' sarà il primo evento globale dopo l'esplosione della pandemia. Non possiamo parlare del quadro ma della cornice, perché' la sostanza delle Olimpiadi e' tutta da definire. Sarà un'edizione diversa e speciale, con regole molto rigide. Ci sono sempre state sul piano della sicurezza, adesso lo saranno anzitutto su quello sanitario, con l'obbligo per l'atleta di ripartire per il suo Paese entro 48 ore dalla gara e si possono immaginare le difficoltà sul piano della logistica e dei trasporti. Ma è un evento - conclude Malagò - che merita qualsiasi tipo di attenzione, sacrificio e obbligo perché' paragonabile soltanto ai Giochi del '48, quelli successivi alla Seconda guerra mondiale: anche allora il mondo si ritrovò".

Foto Simone Ferraro / FGI

Data articolo: Fri, 08 Jan 2021 16:23:58 +0100
News
‘Torniamo a emozionarci. Ancora’. Video-emozione e la poesia di Erri De Luca per celebrare l'anno olimpico

‘Torniamo a emozionarci. Ancora’. Emozioni in video per celebrare l’anno olimpico con una poesia di Erri De Luca Un video per aprire l’anno a cinque cerchi esaltando la magia dello sport italiano. Declinata attraverso i volti, le imprese e i sorrisi +/dei campioni azzurri. Un paradigma di gioie che vive nei nostri cuori, la forza di una tradizione vincente, la bellezza di un orizzonte che ci permette di scorgere gli ambiziosi contorni di un futuro da protagonisti. Nel 2021 L’Italia Team si prefigge di celebrare la vita e lo sport grazie alle parole di Erri De Luca. La poesia “Considero Valore”, tratta dal libro ‘Opere sull’acqua e altre poesie’ edito da Einaudi, si coniuga nel video con grandi momenti di sport olimpico attraverso i quali l’Italia Team lancia il suo messaggio di speranza e di positività per il nuovo anno. Il 2020 ha comportato molte rinunce e determinato scelte sofferte, tra cui il differimento dei Giochi di Tokyo, ma ha saputo mettere in evidenza l’importanza di quei valori che scandiscono in modo ineludibile la nostra quotidianità, facendoci sentire parte del mondo, come fa da sempre la condivisione delle Olimpiadi. È nata così la volontà di promuovere un messaggio che potesse comunicare la difficoltà del periodo che il mondo sta affrontando, e di farlo attraverso lo sport olimpico e la poesia di Erri De Luca. Questo perché, se è vero che la pandemia ha avuto effetti drammatici per molti e ha messo in difficoltà l’intera collettività, è altrettanto evidente che ha saputo far emergere il bisogno di tornare a guardare al futuro con fiducia, ponendo l’attenzione sul quotidiano e sul senso di comunità che nasce da quei valori che devono essere necessariamente condivisi. Abbiamo dunque scelto una narrazione che potesse coniugare le parole di Erri De Luca ad immagini famose di atleti olimpici italiani. Con la chiosa ‘Torniamo ad emozionarci. Ancora’, si cristallizza il valore autentico dello sport e degli atleti olimpici: costruire emozioni che rimarranno nella storia.

Fonte: www.coni.it

Data articolo: Thu, 07 Jan 2021 09:50:34 +0100
News
Il focus sulle gare internazionali della nuova stagione

L’Epifania, si sa, tutte le feste si porta via. E speriamo che con esse se ne vadano anche i contagi e le preoccupazioni. I festoni natalizi lasciano, dunque, il posto a propositi e progetti. Così, con una premessa grande quanto una casa, ossia Covid permettendo, proviamo a mettere a fuoco gli appuntamenti principali della nuova stagione. In campo internazionale il 2021 si preannuncia come un passaggio storico, in quanto, salvo rare eccezioni, nel 1992 e nel 1996, mai era accaduto che i Giochi Olimpici, in programma dal 24 luglio al 9 agosto, e i Mondiali di Artistica, maschile e femminile, Ritmica e Trampolino si disputassero nello stesso anno. Se poi ci aggiungiamo le rassegne iridate di Aerobica a Baku, in Azerbaijan (27/29 maggio), di Acrobatica a Ginevra, in Svizzera (18/20 giugno) e di Parkour a Hiroshima, in Giappone (26/28 marzo), tutte ereditate dal 2020, il piatto degli eventi si fa più ricco che mai. Vista l’emergenza e il forfait d Copenaghen che avrebbe dovuto ospitare la 50esima edizione dei Campionati del Mondo di Artistica, le rassegne iridate dei piccoli e grandi attrezzi, ecco un’altra succulenta novità, si disputeranno insieme, a Kitakyushu, nel Sol Levante, dal 18 al 24 ottobre per l’artistica e, a seguire, dal 27 al 31 ottobre per la ritmica (le date sono da confermare). Per il tappeto elastico, invece, si torna sulle rive del Caspio, a Baku, dall’11 al 14 novembre. E non finisce qui, perché ci sono poi gli Europei, taluni qualificanti per Tokyo - come quelli maschili e femminili di Basilea (21/25 aprile), la kermesse GR di Varna, in Bulgaria (9-13 giugno) e il Trampolino a Sochi in Russia dal 29 aprile al 2 maggio - e altri no, ma comunque molto importanti, soprattutto per noi italiani, in quanto si svolgono nel nostro paese. Pesaro, infatti, ospiterà la manifestazione continentale dell’Aerobica dal 24 al 26 settembre e dell’Acrobatica dal 6 al 10 ottobre. Ci sono infine i circuiti di World Cup, e anche qui, in alcuni si assegnano pass olimpici. Gli All-Around GAM e GAF di Stoccarda, in Germania (20/21 marzo), di Birmingham, nel Regno Unito (27 marzo) e di Tokyo (4 maggio), considerato dalla FIG il Test Event ufficiale dei Giochi, chiuderanno il ciclo inaugurato a Milwaukee, negli States, lo scorso marzo, prima della Pandemia. Il percorso biennale della Coppa di specialità, iniziato a Cottbus nell’ormai lontano 2018, si conclude a Doha, in Qatar (10/13 marzo) con il derby italiano sulla pedana del corpo libero tra Lara Mori e Vanessa Ferrari. Su un’altra pedana, quella della Ritmica, i biglietti a cinque cerchi si staccheranno al termine del mini torneo di Coppa spalmato su quattro giornate, tra Sofia, in Bulgaria (9/11 aprile), Tashkent, in Uzbekistan (16/18 aprile), Baku (7/9 maggio) e la Vitrifrigo Arena di Pesaro. La città di Rossini, completerà il ciclo in una sorta di check in, dal 28 al 30 maggio, per volare in Giappone. Le azzurre, già qualificate, avranno un’occasione d’oro per mostrare, senza stress, le proprie qualità, magari facendo risuonare un Inno di Mameli benaugurante per la campagna estiva d’Oriente. Il 44° Turnier der Meister torna a Cottbus, in una collocazione insolita, dal 25 al 28 febbraio per aprire il quadriennio di Parigi 2024, insieme alle Challenge Cup, competizioni targate FIG che però non hanno il pedigree del CIO. Ciò non toglie che tra Varna, Il Cairo, Osijek, Mersin e Koper nell’artistica, Cluj Napoca, Minsk e Mosca nella ritmica, ci sarà comunque da divertirsi con la grande ginnastica. Al contrario sarà decisiva nel Trampolino Elastico la tappa di Brescia del 23 e 24 aprile, l’ultimo treno di Flavio Cannone sulla road to Tokyo, per inseguire la sua quarta partecipazione olimpica. In ogni caso, se quel treno dovesse sfuggirgli, la palestra San Filippo sarebbe l’ultima stazione dove tributare la degna standig ovation al quarantenne campione bresciano. Cancellati purtroppo sia l’European Gym For Life sia l’Eurogym che si sarebbero dovuti tenere nel prossimo luglio, a Reykjavik, in Islanda, resiste nella Sezione Gymnastics for All, il Golden Age Gym Festival, atteso a Rethymno in Grecia dal 3 all’8 ottobre, mentre siamo ancora in attesa della data e della location della 13esima edizione continentale del TeamGym. Il forfait della Danimarca ha lasciato la casella vuota e Losanna spera di trovare presto un nuovo comitato organizzatore. Dal 19 al 29 agosto la Cina apre alle Universiadi che ancora brillano del fulgore napoletano. La speranza è che lì dove tutto ebbe inizio, ma ci auguriamo anche prima, si possa tornare ad abbracciarsi, con il pubblico sugli spalti, sfogliando margherite di incontri agonistici nel quadriennio eccezionale delle due Olimpiadi.

CALENDARIO INTERNAZIONALE 2021

Data articolo: Tue, 29 Dec 2020 19:58:57 +0100
News
Che il 2021 sia un anno "normale" di gare straordinarie!

Qual è l’augurio migliore per un atleta? Ovvio, gareggiare! O comunque, se non si è agonisti, salire in pedana. Ecco, dunque, a capodanno ci piace festeggiare pensando ai principali appuntamenti del calendario federale nazionale, che sono lì ad attenderci, con il pubblico o no, contagiati dalla passione comune per lo sport, vaccinati alla scalogna sin dalla nascita per il solo fatto di essere nati ginnasti! Il programma, approvato dal Consiglio Federale, è slittato di qualche settimana, a scopo precauzionale. Si comincia il 13 e 14 febbraio con la Ritmica. La prova inaugurale delle Serie A e B apre ad Eboli la stagione degli eventi di prima fascia. La seconda giornata, il 6 e 7 marzo, sarà concomitante con l’avvio del torneo a squadre dell’Artistica, maschile e femminile: i piccoli attrezzi a Desio, i grandi a Siena, poi ognuno per la sua strada. Le campionesse in carica della Faber Fabriano ospiteranno la terza prova, il 20 e 21 marzo, una settimana dopo l’Artistica passa ad Ancona, il 26 e 27 marzo, mentre toccherà di nuovo alla Campania 2000 organizzare la terza giornata, il 9 e 10 aprile, e la Final Six, il 15 e 16 maggio. Il Pala Vesuvio di Napoli aprirà di nuovo i battenti per il rush finale GAM e GAF, e con l’esperienza acquisita nel 2020, l’allestimento già rodato (ricordate la bella idea del paddock rialzato e a vista con i box delle squadre?) sarà davvero uno spettacolo. Nell’impianto di Ponticelli si tornerà dal 9 all’11 luglio anche per i Campionati Assoluti. La Final Six GR, invece, in programma il 24 e 25 aprile, è ancora da assegnare, ma l’Eurogymnica e il Pala Gianni Asti di Torino sono in corsa per concedere il bis. Pure Folgaria è in stand by, quello che è certo è che il titolo all-around di Milena Baldassarri, le medaglie individuali di specialità e d’Insieme (il cui secondo campionato si disputa il 4 e 5 dicembre), saranno assegnate il 15 e 16 maggio. Giusto in tempo per prepararsi alla World Cup di Pesaro, l’ultimo atto del circuito FIG qualificante per i Giochi di Tokyo, confermatissima alla Vitrifrigo Arena di Pesaro, dal 28 al 30 maggio. Il 5 e 6 giugno, a Fermo, rinasce la Coppa dei Campioni della Maschile, una delle poche manifestazioni bloccate dal lockdown e non recuperate lo scorso anno. Nello stesso fine settimana, a Pomigliano d’Arco, grazie alla Fitness Trybe, andranno in scena gli Assoluti, il Trofeo delle Regioni, il Trofeo Maa e il Gran Premio d’Estate di Ginnastica Aerobica, mentre la Coppa Campioni della Sezione guidata da Luisa Righetti sarà presentata dall’ASD Chige, il 16 e 17 ottobre. A Monte di Procida vedremo pure il Campionato di Serie A, B e a squadre Allievi, il 20 e 21 novembre. Chiudiamo con il Trampolino Elastico, il cui momento clou è cerchiato in rosso, in agenda, sul 12 e il 13 giugno, a Fano, con l’Alma Juventus che metterà insieme gli Assoluti, la Coppa dei Campioni e gli epiloghi della Silver, in una due giorni di salti mortali. Ma non finisce certo qui – e i calendari pubblicati sul sito nelle procedure federali e norme tecniche 2021 parlano da soli (APRI IL DOCUMENTO): dalla Ginnastica in Festa, che dopo la Special Winter Edition ritroviamo nell’abituale finestra di fine giugno, tra il 19 e il 27, nei padiglioni giganti della Fiera di Rimini, con le sfide della Sezione Salute e Fitness e il Parkour in testa (una seconda giornata è prevista il 4 e 5 dicembre) fino alle competizioni Gold e Silver, spalmate durante tutti i 365 giorni, con una maggiore collocazione nel secondo semestre, quello che per i senior di alto livello sarà impegnato da Mondiali e Europei. Con un particolare riguardo al Grand Prix della Ginnastica, l’evento conclusivo di celebrazione che speriamo, con tutto il cuore, possa essere, di nuovo, un momento di tripudio, con gli spettatori sugli spalti pronti ad esultare per i propri beniamini. Un ringraziamento conclusivo - fausto, lieto e propizio - lo vogliamo fare, per una volta, non ai ginnasti, che ci fanno sempre emozionare in gara, ma a coloro che le gare le rendono possibili: Società, Associazioni, dirigenti, volontari, che si mettono in gioco candidandosi ad ospitare manifestazioni, senza certezze, con la speranza, al massimo, di andarci in paro e con l’inguaribile ottimismo di chi ama quello che fa in maniera contagiosa.     

CALENDARIO RIASSUNTIVO DELLE PRINCIPALI GARE NAZIONALI PRIMA FASCIA DEL 2021

Data articolo: Thu, 31 Dec 2020 15:52:11 +0100


Tutte le notizie di tutti gli sport escluso il calcio

News generaliste che accomunano sport diversi

News C.O.N.I. News video da gazzetta.it RAI SPORT in diretta

Atletica leggera

News Atletica da FIDAL Video di Atletica da FIDAL News Atletica da atleticanotizie.myblog.it Video IAAF Diamond League

Ciclismo

Ciclismo da Federciclismo Ciclismo su strada da Federciclismo Mountainbike da Federciclismo Ciclismo su pista da Federciclismo

news nuoto, tuffi e pallanuoto

News da Federnuoto Tutti i record di nuoto da Federnuoto

news basket

News esclusive da basketissimo.com News basket da basketissimo.com Nazionale basket da basketissimo.com Le altre nazionali di basket da basketissimo.com Basket Champions FIBA da basketissimo.com News basket serie A da basketissimo.com News basket Serie A2 da besketissimo.com

news volley

News volley da volleyball.it Campionati volley da volleyball.it Coppe europee volley da volleyball.it Serie A donne volley da volleyball.it

news automobilismo, motori, motociclismo

News Motociclismo da moto.it News motori News motociclismo News Passione Motori News Formula 1

news tennis

News Tennis livetennis.it News Tennis supertennis.tv News da internazionibnlditalia.it

Lotta, judo, karate, arti marziali

News da FIJLKAM News judo da FIJLKAM News karate da FIJLKAM News lotta da FIJLKAM News arti marziali da FIJLKAM

Sport invernali

News sport invernali da gazzetta.it News sport del ghiaccio

news ginnatica e vela

News ginnasticaartistica
italiana.it
News Federginnastica News da Federvela News vela da assovela.it

news dalle federazioni

News da Federcanoa News da Federcanottaggio News Feder Triathlon News Federclimb News Federdanza News Federtennis da tavolo News da FIBS News Feder Badminton News Federpesistica News Taekwondo News equitazione da FISE News da FIDS Sicilia Pentathlon moderno da FIPM News Handball da FIGH News da Federscherma News Federazione italiana paraolimpici News Federugby Per gli amanti delle action figures