Coronavirus in Italia e nel mondo

NEWS - scuola istruzione scienze ambiente tecnologia


News Vita digitale da corriere.it

#vita-digitale #digitale #corriere.it

Venere
Gli avvistamenti Cufom del 2020 e quell’Ufo di Imperia che torna alla memoria dopo 13 anni
Nel filmato che vedete qui sopra trovate l’annuale riepilogo che il Cufom (Centro Ufologico Mediterraneo) ha fatto a conclusione del 2020. Ma questa √® prima di tutto l’occasione per dare spazio a una storia che un lettore del blog – ha il pregio di non mantenere l’anonimato: si chiama Gianluca Marchesi – mi ha inviato […]

Clicca qui per vedere il video incorporato.

Nel filmato che vedete qui sopra trovate l’annuale riepilogo che il Cufom (Centro Ufologico Mediterraneo) ha fatto a conclusione del 2020. Ma questa √® prima di tutto l’occasione per dare spazio a una storia che un lettore del blog – ha il pregio di non mantenere l’anonimato: si chiama Gianluca Marchesi – mi ha inviato dopo aver visto il post sull’Ufo comparso nei cieli della Colombia. Come ben sapete, incentivo e caldeggio le storie vissute, anche se non sono recenti. I fatti di cui¬†Gianluca √® stato testimone assieme alla moglie risalgono al 2007, ma la coppia non gli ha mai dimenticati anche per un certo comportamento delle forze dell’ordine. Ma soprattutto, la forma dell’Ufo colombiano gli ha ricordato tanto quella del “coso” visto da lui. Ecco la sua testimonianza (purtroppo non ha scattato foto, per cui l’immagine che vedete qua sotto si riferisce all’Ovni di Antioquia).

ufo-colombia27-Nov.-22-17.25Scrivo in merito a un incredibile avvistamento avvenuto nell’ottobre del 2007 a Pontedassio. Erano circa le 14 di una domenica e percorrevo¬†in auto la SS28 appena fuori Imperia per raggiungere un centro commerciale. A mio fianco c’era mia moglie. Ad un certo punto la mia attenzione fu catturata da un oggetto molto luminoso, di fronte a noi, che si stagliava contro un cielo azzurro e terso.¬† Pareva molto simile a Venere; ma era primo pomeriggio, quel pianeta lo si osserva alla sera. Quindi non poteva essere lui: piuttosto, ho immaginato che si trattasse in piccolo aereo che rifletteva la luce del¬† Sole. Nel dubbio, accostai l’auto per osservare meglio. L’oggetto si avvicinava molto lentamente e le sue dimensioni aumentavano. Al contrario, la luminosit√† diminu√¨ fino a sparire del tutto. A quel punto potemmo notare un oggetto stranissimo, di colore grigio che sembrava contorcersi su se stesso, cambiando forma. L’oggetto era sempre pi√Ļ vicino e si abbassava costantemente. Assunse la sagoma di un pallone da rugby, visto lateralmente. Era opaco con striature marroni. Intorno allo stesso ruotava una specie di piccolo “satellite”, nero e rotondo. Quando fu molto basso fummo in grado di ammirarlo in tutta la sua forma. Avr√† avuto un diametro di almeno 30 metri e non produceva alcun rumore. Eravamo molto stupiti di quello che stavamo vedendo, ma¬†eravamo anche preoccupati: si trattava di qualcosa di pericoloso oppure no? Cos√¨ chiamai i Carabinieri. Non feci nemmeno in tempo a comporre il numero ed ecco che da dietro a un avvallamento sbuc√≤ un elicottero dell’Arma. Il velivolo si posizion√≤ proprio di fronte all’oggetto, ma nel giro di 20 secondi fece dietro front e spar√¨. A quel punto l’oggetto scomparve dietro a una collina: sembrava in fase di atterraggio. Salii immediatamente in macchina e con mia moglie ci dirigemmo in direzione della collina. Ci separava solo una galleria di poche centinaia di metri, ma arrivati dall’altra parte non trovammoi pi√Ļ! Come poteva essere sparito dalla vista un oggetto tanto grande?¬†In seguito, verso sera, venni ricontattato dai Carabinieri e pi√Ļ esattamente dal Comandante dell’elicottero. Mi conferm√≤ di essere stato in zona all’ora da me indicata, ma di non avere visto nulla di strano. Mi alterai molto, non volevo essere preso in giro! Dopo qualche giorno mi chiam√≤ un giornalista de “La Stampa” chiedendomi di rilasciare un’intervista mantenendo l’anonimato. Venni anche convocato da un non meglio identificato colonnello di Savona dell’Aeronautica Militare di Savona del quale sinceramente non ricordo il nome. Volle sapere ogni dettaglio e poi mi disse di lasciare perdere e di non occuparmi pi√Ļ della vicenda: avrebbero provveduto loro. Naturalmente, nessuno mi fece pi√Ļ sapere nulla… Quel giorno sulla Statale c’era molto traffico e di sicuro qualcun altro avr√† visto. Ricordo con certezza che un ragazzo scese a sua volta dall’auto e scatt√≤ delle foto. Io purtroppo all’epoca non avevo ancora un cellulare con fotocamera. Denunciai peraltro il fatto al Cun, nella persona di Emilia Balbi: ma anche dal Centro Ufologico Nazionale non ottenni pi√Ļ riscontri.

Gianluca Marchesi


Data articolo: Wed, 13 Jan 2021 18:12:54 +0000
ufo
Alieni, il professor Avi Loeb di Harvard li sdogana: ‚ÄúSono tra noi gi√† dal 2017‚ÄĚ
Il tema alieno (in modo diretto o indiretto) sembra essere sempre pi√Ļ presente nelle cronache quotidiane, anche se c’√® chi se ne frega altamente. In attesa di sviluppi sul fronte del governo americano c’√® una sorta di onda lunga che segue le affermazioni di Haim Eshed, l’ex capo della sicurezza spaziale di Israele. Su uno […]

Il tema alieno (in modo diretto o indiretto) sembra essere sempre pi√Ļ presente nelle cronache quotidiane, anche se c’√® chi se ne frega altamente. In attesa di sviluppi sul fronte del governo americano c’√® una sorta di onda lunga che segue le affermazioni di Haim Eshed, l’ex capo della sicurezza spaziale di Israele. Su uno degli aspetti della questione cruciale – siamo gi√† stati visitati, e lo siamo ancora, oppure no? –¬† √® intervenuto addirittura un professore di Harvard, che a occhio, leggendo il suo nome, √® a sua volta di radici ebree (Avi Loeb). Ha scritto un libro e se ne sono occupati in tanti: questo √® quanto scrive il dispaccio d’agenzia ripreso dai media, in Italia perfino da Dagospia.¬†

maxresdefaultDopo¬†le dichiarazioni di Haim Eshed, ex-capo della sicurezza spaziale di Israele, arriva anche un¬†professore di Harvard¬†a supportare la tesi dell’esistenza degli Alieni.¬† I turisti spaziali sarebbero per di pi√Ļ gi√†¬†arrivati sul pianeta Terra nel 2017, secondo il professor Abraham “Avi “Loeb. Il riferimento √® all’oggetto non identificato (soprannominato Oumuamua) che √® apparso in quel periodo, destando l’attenzione dei pi√Ļ curiosi. L’insegnante svela le sue convinzioni nel libro¬† “Extraterrestrial: The First Sign of Intelligent Life Beyond Earth”,¬†secondo cui l’oggetto sarebbe stato il¬†primo segno inviatoci dai visitatori¬†alieni. “Cosa sarebbe successo se un uomo delle caverne avesse visto un cellulare? Avendo visto pietre tutta la vita, avrebbe pensato ad una pietra scintillante. Certa gente non vuole discutere della possibilit√† che ci siano altre civilt√† l√† fuori, credono che siamo speciali e unici. Io credo che sia¬†un pregiudizio che dobbiamo abbandonare”,¬†ha dichiarato in un’intervista al¬†New York Post. Secondo Loeb tutto ci√≤ ci aiuterebbe a mettere le cose in prospettiva e ci darebbe maggiore consapevolezza come specie, riducendo gli sprechi di risorse e i cambiamenti climatici.¬†Persino¬†Ridley Scott crede agli alieni¬†e afferma che sono stati loro a crearci. Cosa ne pensate?¬†Esistono altre forme di vita?¬†E soprattutto, ci hanno gi√† raggiunto? Una cosa √® certa, √® arrivato il momento di tornare a¬†giocare a Destroy All Humans.¬†

Che cosa vedete della foto di Mary McCartney? (sotto il seguito)

McCartneyMary McCartney √® la figlia primogenita di Paul McCartney, l’ex Beatle: fa la fotografa di professione. Il padre ama anche dipingere e realizzare opere miste, unendo immagini e disegni. Questo √® il caso di quanto vedete qua. La cosa interessante √® proprio la foto, opera della figlia (che ha contribuito con la sua arte a fornire le immagini per il nuovo album McCartney III). Voi che cosa notate? Chi me l’ha segnalata – magari poi vi sveler√≤ il nome – ha la mia stessa idea…Quindi, dite la vostra.

Ecco perché potrebbe essere un Ufo

Ovviamente quanto dir√≤ qui non √® oro colato. E’ solo un’interpretazione della foto, ma si avvale della valutazione del team del Cun (Centro Ufologico Nazionale) coordinato dal professor Massimo Angelucci. Il mister X di cui parlavo √® infatti Vladimiro Bibolotti, che oltre a essere presidente onorario del Centro, √® un appassionato dei Beatles e, soprattutto, un amico personale dei McCartney. Tra l’altro il lavoro che vedete, frutto dell’opera di Paul McCartney e della figlia Mary, appare nell’album McCartney III uscito lo scorso 18 dicembre. Ci sono due versioni: una “pubblica” e in vendita e una a tiratura limitata (nella prima la figura geometrica in copertina √® bianca con tre centri neri; nella seconda √® rossa con i tre cerchi sempre in nero). L’immagine in questione appare solo nell’edizione limitata. Se focalizzate l’attenzione su quella formazione discoidale argentea in alto, sulla destra poco il centro, non potete non essere incuriositi. Il team del Cun ha ingrandito il dettaglio: potrebbe sembrare una nuvola, ma nell’ingrandimento appaiono dei collegamenti filiformi tra quattro corpuscoli. La sintesi che mi √® stata proposta √® questa: senza quei filamenti e quei corpi esterni sarebbe al 100 per cento un Ifo, cio√® un oggetto identificato (nella fattispecie una nuvola, appunto). Ma alla luce dei dettagli illustrati la rimodulazione del Cun √®: 40% Ufo e 60% Ifo. In ogni caso, una bella storia, anche perch√©, curiosamente, l’immagine appare solo nell’album non in vendita.

ufo1

ufo2bufo3


Data articolo: Tue, 05 Jan 2021 17:30:52 +0000
West Virginia
L‚ÄôUfo in fiamme nel cielo della West Virginia, l‚Äôultimatum di Trump e il reperto ‚Äúsospetto‚ÄĚ della sonda giapponese: buon 2021
Cari amici, per chiudere l’anno infame che abbiamo trascorso (sperando che il 2021 ribalti questo inqualificabile andazzo: dunque, auguri; anche se per farli forse sarebbe meglio aspettare febbraio o marzo¬† per vedere come butta…) avevo in mente un post. In realt√† in questi giorni di notizie curiose/interessanti ce ne sono state diverse. Per cui il […]

Clicca qui per vedere il video incorporato.

Cari amici, per chiudere l’anno infame che abbiamo trascorso (sperando che il 2021 ribalti questo inqualificabile andazzo: dunque, auguri; anche se per farli forse sarebbe meglio aspettare febbraio o marzo¬† per vedere come butta…) avevo in mente un post. In realt√† in questi giorni di notizie curiose/interessanti ce ne sono state diverse. Per cui il post diventa uno e… trino, anche se di due dei temi possibili do una semplice indicazione (con relativi link) riservandomi la facolt√† di riprenderli e ampliarli prossimamente. I due argomenti che per ora metto in naftalina sono un aggiornamento sulla questione Pentagono-Uap (che io preferisco sempre chiamare Ufo) . Donald Trump, che, ahilui, si appresta a lasciare la “cadrega” alla Casa Bianca, nell’ambito di una serie di provvedimenti legati prima di tutto all’emergenza Covid ha dato una sorta di ultimatum allo stesso Pentagono e alle agenzie di spionaggio: hanno 180 giorni di tempo per dire quello che sanno sugli oggetti non identificati. Chi √® convinto che l’ormai ex presidente degli Usa sia pronto a dire qualcosa di importante sul tema pu√≤ cominciare a documentarsi cliccando su questo link del New York Post. La seconda notizia riguarda i giapponesi, che hanno appena recuperato i reperti che la sonda Hayabusa-2 ha raccolto sull’asteroide Ryugu: ecco, c’√® qualcosa che non torna perch√© sembra esserci la prova di un materiale artificiale sul quale si sta indagando con una certa fibrillazione. Qui trovate l’articolo di Media Inaf, che ha girato quanto scritto dal Sole XXIV Ore. Ma il tema centrale di questo post √® il filmato di Youtube che vedete sopra: riguarda un evento nel cielo della West Virginia avvenuto lo scorso 27 dicembre. Che cosa mai stava bruciando lass√Ļ per aria? Non sembra affatto un meteorite (o un asteroide), visto il moto “tranquillo”, quasi statico, che pare avere questo corpo davvero voluminoso. Qualcuno ha anche parlato di una nube e di un riflesso strano del Sole, ma qui, francamente, siamo all’insulto del buon senso e dell’intelligenza umana: piuttosto che quello, allora vale davvero la pena di pensare che si trattasse di un’astronave aliena, in fiamme non al largo dei bastioni di Orione (cfr. Bladerunner) ma sopra il nostro cranio. Buon 2021. E che gli Alieni vi assistano.¬†alieno


Data articolo: Thu, 31 Dec 2020 17:52:40 +0000
ufo
Dibattiti bUFI / 65 ‚Äď Ecco i Guardiani dello Spazio: Trump si appresta a dirci qualcosa?
Per chiudere questo anno sciagurato vi assegno un bel compito a casa, sotto forma di un¬†dibattito bUFO. L’argomento √® la nuova iniziativa americana, meglio dell’ormai presidente uscente Donald Trump, di dare vita a una forza che dovr√† occuparsi della difesa da attacchi dallo spazio. Lo scorso 20 dicembre il vicepresidente¬† Mike Pence ha prima sdoganato […]

19xp-spaceforce-jumboPer chiudere questo anno sciagurato vi assegno un bel compito a casa, sotto forma di un¬†dibattito bUFO. L’argomento √® la nuova iniziativa americana, meglio dell’ormai presidente uscente Donald Trump, di dare vita a una forza che dovr√† occuparsi della difesa da attacchi dallo spazio. Lo scorso 20 dicembre il vicepresidente¬† Mike Pence ha prima sdoganato il nome della “truppa” – si chiameranno Guardians, Guardiani -, quindi ha ufficializzato il motto (Semper Supra) e infine ha indicato i nomi dei primi componenti: il¬† capo delle operazioni sar√† il generale John Raymond. La Space Force, la sesta forza statunitense e la prima istituita dal 1947, sar√† deputata nelle fasi iniziali al controllo e al monitoraggio dello spazio orbitale, a supporto delle altre branche del Pentagono. C’√® chi ha pure ironizzato sul nome, perch√© Guardians of the Galaxy √® una serie di film ispirati ai fumetti della Marvel. Comunque, come scrive “Il Giornale”, “il personale arruolato (il progetto prevede circa 16mila unit√†) sar√† addestrato nella guerra orbitale, nella guerra elettronica e nelle strategie militari. L’obiettivo √® avere un’organizzazione in grado di controllare l’infrastruttura spaziale statunitense e proteggerla da attacchi fisici, elettronici o digitali: affrontare missili anti-satellite, armi elettroniche ed attacchi informatici. La scelta di costituire i Guardians √® indicativa della volont√† di mantenere la supremazia militare in un dominio conteso. Sebbene gli Usa controllino la maggior parte dei satelliti che orbitano intorno alla terra, 1.007 su un totale di 2.218, Russia e Cina sembrano intenzionate a recuperare il distacco dall’avversario a stelle e strisce”. Ma la mia domanda per il dibattito √® un’altra: √® solo questo lo scopo? Non √® che Trump, ora che si appresta a lasciare la scena, sta per riservarci il fatidico annuncio? A voi la parola, Se volete qualche dettaglio in pi√Ļ, cliccate su questo link.

 


Data articolo: Sat, 26 Dec 2020 18:30:34 +0000
Università della California-Berkeley
Indiscrezione del Guardian: il segnale radio captato nel 2019 da Proxima Centauri potrebbe essere di origine artificiale
E’ di sicuro un periodo caldo sul fronte dei temi a noi cari, dalla questione dell’eventuale vita oltre il nostro Pianeta alle vicende degli avvistamenti Ufo. Oppure a eventi come la comparsa di alcuni monoliti in varie zone della Terra, anche se √® ormai evidente che¬† gli episodi successivi a quello dello Utah (che mantiene […]

E’ di sicuro un periodo caldo sul fronte dei temi a noi cari, dalla questione dell’eventuale vita oltre il nostro Pianeta alle vicende degli avvistamenti Ufo. Oppure a eventi come la comparsa di alcuni monoliti in varie zone della Terra, anche se √® ormai evidente che¬† gli episodi successivi a quello dello Utah (che mantiene a mio avviso un alone di mistero) rientrano nella logica umana, spesso stupida, di imitare. Ma qualcosa bussa anche alla porta della scienza ufficiale, forse meno riottosa rispetto al passato a misurarsi con un argomento che non pu√≤ non essere centrale. E la notizia che vi segnalo riguarda qualcosa di imminente: c’√® un segnale radio particolare, captato nel 2019, che tra poco sar√† oggetto di una spiegazione. E potrebbe essere qualcosa di rivoluzionario. Vi passo l’articolo di Alberto Berlini di Today.it, detto comunque che lo scoop √® di The Guardian.

radiotelescopio-Parkes-in-AustraliaNei primi mesi del 2021 √® attesa la pubblicazione dei risultati di uno studio condotto su un segnale radio¬†osservato nel 2019 e proveniente dal sistema stellare a noi pi√Ļ vicino: Proxima Centauri, che sta ad “appena” 4,2 anni luce.¬†Quello che sta facendo letteralmente saltare dalla sedia gli astrofili di tutto il mondo √® un’ indiscrezione che mostra un particolare dettaglio. Il segnale sembra essere concentrato in una singola frequenza, quella dei 982 MHz,¬†una caratteristica pi√Ļ tipica dei fenomeni artificiali che di quelli naturali.¬†I “cacciatori di segnali alieni” sono in fibrillazione perch√© se venisse confermata la natura “non naturale” del segnale, si potrebbe pensare che¬†il sistema planetario pi√Ļ vicino al nostro ospiti una civilt√† tecnologica.¬†La notizia √® trapelata¬†sul quotidiano britannico The Guardian (questo il link)¬†e gli scienziati che stanno lavorando all’analisi dei dati¬†hanno confermato al periodico¬†Scientific American¬†che c’√® ancora molto lavoro da fare, ma l’interesse √® giustificato. Ad oggi sembra sia escluso che il segnale sia dovuto ad una interferenza dalla Terra e¬†Andrew Siemion dell’Universit√† della California-Berkeley ha spiegato che, allo stato attuale, “non pu√≤ essere ancora spiegato”.

“La cosa pi√Ļ curiosa √® che il segnale occupa una banda molto ristretta dello spettro radio: 982 megahertz, in particolare, che √® una regione tipicamente priva di trasmissioni da satelliti e veicoli spaziali di fabbricazione umana.¬†Non conosciamo alcun modo naturale per comprimere l’energia elettromagnetica in un singolo contenitore di frequenza”.

Ci potrebbe essere una “Terra” intorno a Proxima Centauri?¬†Il sistema ospita almeno due mondi.¬†Il primo, denominato¬†Proxima-b, √® poco pi√Ļ grande del nostro pianeta e orbita alla cosiddetta¬†distanza della¬†“zona abitabile” della stella¬†Un altro pianeta, il¬†Proxima-c, molto pi√Ļ grande, sarebbe invece troppo lontano dalla stella.

Nota: il credito per la foto è  CSIRO/PR IMAGE


Data articolo: Sun, 20 Dec 2020 20:37:47 +0000
ufo
Atlantide e gli Ufo, un’altra occasione mancata
Come commentare Atlantide dello scorso 15 dicembre, la trasmissione su La 7 di Andrea Purgatori intitolata “2020, ci mancano solo i marziani”?. Io la commento cos√¨: ci mancava solo Atlantide… Purtroppo, a maggior ragione ripensandoci a mente fredda, per la clamorosa durata di 3 ore e mezzo (nemmeno Ben Hur…) abbiamo assistito al solito guazzabuglio […]

2020-ci-mancano-solo-i-marzianiCome commentare Atlantide dello scorso 15 dicembre, la trasmissione su La 7 di Andrea Purgatori intitolata “2020, ci mancano solo i marziani”?. Io la commento cos√¨: ci mancava solo Atlantide… Purtroppo, a maggior ragione ripensandoci a mente fredda, per la clamorosa durata di 3 ore e mezzo (nemmeno Ben Hur…) abbiamo assistito al solito guazzabuglio di ironie e banalit√† con Purgatori, ex mio collega al Corriere della Sera, che prima ha fatto confessione di incompetenza sull’argomento, salvo poi ammiccare agli scienziati e farsi scappare qua e l√† delle battute davvero fuori luogo. Ovviamente c’era uno scenario da teorica par condicio, un colpo al cerchio e uno alla botte. Ma al tirar delle somme i colpi sono stati tirati pi√Ļ al cerchio della scienza e di chi irride a un fenomeno che meriterebbe ben altro approccio e molto meno alla botte, visto che – incredibile, ma √® cos√¨ – nessun rappresentante dell’ufologia (quella seria,¬† non quella dei pagliacci da baraccone) era stato invitato. Cos√¨, partendo dalla vicenda dei monoliti trovati qua e l√† in queste settimane per il mondo (capisco l’aggancio cronistico, ma credo sia la cosa meno “aliena” che si potesse citare), si √® sviluppato il solito d√©j√†-vu della “coglionella” alla materia, facendo ovviamente finta di fare le cose per bene. steven-m-greer_profileE se la spina dorsale del programma era il documentario (anche se non recente) di Steven Greer, medico statunitense e ufologo in quanto fondatore delle associazioni senza scopo di lucro Cseti e Disclosure Project, nella scaletta erano previsti interventi di altro segno, detto comunque che del suddetto Greer non si √® mancato di sottolineare che “√® personaggio controverso, finito nel mirino della critica”.¬† Comunque, a fronte di un filmato che¬† ovviamente poteva essere valutato e criticato ma che proponeva anche passaggi interessanti e testimonianze di una certa importanza pronunciate non da quaquaraqua ma da persone di un certo peso quali presidenti Usa e responsabili dell’intelligence, il contorno √® stato rappresentato da chi aveva il fucile armato per sparare contro Ufo e ufologia. Mi √® dispiaciuto che si sia unito al coro (e a una trasmissione di questo taglio) il fisico Carlo Rovelli, scrittore che apprezzo, ma purtroppo pure lui ha deluso. Auto-domanda di Rovelli: “Che rapporto ho io con gli Alieni? Sono amici, mi hanno detto di non dirlo a nessuno…”. E pi√Ļ avanti: “La visione di un essere alieno sulla Terra √® paragonabile alla visione di un uomo con la tunica bianca scambiato per il Papa”. Prima, invece, avevamo dovuto sentire il generale Umberto Repetto, esperto di sicurezza e di informatica, dichiarare “non abbiamo le prove dell’esistenza degli Alieni, gli Ufo sono oggetti non identificati, non oggetti extraterrestri”. Ma va’?!!? Non lo sapevamo proprio… Peraltro questi filosofi dell’iper-razionalismo che censurano chi si avventura in associazioni ardite dovrebbero spiegare su quali basi e su quali conoscenze possono sostenere che gli Ovni, o Ufo che dir si voglia, sono di sicuro e sempre non di matrice aliena. Ad ogni modo dopo costui non sono mancate le esibizioni degli scienziati, tra questi¬† Paola Catapano del Cern, con il gi√† noto rosario e con la sola novit√† – un bel passo in avanti rispetto alle posizioni di alcuni anni fa – della concessione della probabile esistenza della vita aliena da qualche parte del cosmo, peraltro irraggiungibile in un senso o nell’altro (Purgatori ha pure sottolineato non una bens√¨ pi√Ļ volte, “vita forse sotto forma microbica”:¬†riecco uno dei luoghi comuni pi√Ļ gettonati). UFO_Magazine_1_coverIntuisco le esigenze della scienza e del suo modo di procedere, per√≤ mi sono ormai convinto che gli scienziati sono come i cavalli ai quali mettono il paraocchi: loro vedono solo davanti. Per√≤ ai lati esiste qualcosa di reale…¬† S√¨, un’altra occasione persa, in definitiva. E pure malamente.¬† Dato che la sostanziale conclusione √® che gli avvistamenti sono fenomeni¬†da liquidare con un sorrisetto, vorrei terminare linkando quanto¬†Wikipedia dedica agli avvistamenti Ufo nella storia dell’umanit√† (trovate tutto qui). L’enciclopedia digitale ha il buon gusto di aggiungere l’aggettivo “presunti”. Ma a qualcuno di questi¬†episodi forse sarebbe meglio levarlo.


Data articolo: Thu, 17 Dec 2020 15:01:35 +0000
Yedioth Ahronoth
L‚Äôannuncio da Israele: ‚ÄúGli Alieni sono in contatto con noi e con gli Usa ma hanno chiesto di non dirlo: l‚Äôumanit√† non √® ancora pronta‚ÄĚ
“Gli Alieni non solo esistono, ma sono in contatto con noi e in particolare con gli Stati Uniti”. Mentre la vicenda dei monoliti apparsi qua e l√† sta sgonfiandosi come previsto (anche se forse resiste il mistero sul primo, quello dello Utah: i successivi sono chiaramente il parto della tendenza umana a scopiazzare), ecco che […]

alieni-israeliano“Gli Alieni non solo esistono, ma sono in contatto con noi e in particolare con gli Stati Uniti”. Mentre la vicenda dei monoliti apparsi qua e l√† sta sgonfiandosi come previsto (anche se forse resiste il mistero sul primo, quello dello Utah: i successivi sono chiaramente il parto della tendenza umana a scopiazzare), ecco che spunta una notizia di quelle che fanno sobbalzare. La frase di cui sopra arriva non da un pincopallo qualsiasi ma da Haim Eshed, che in Israele era a capo, per conto del ministero della Difesa, della sicurezza spaziale. Oggi √® in pensione e ha 87 anni (qualcuno ha pure ironizzato che ha parlato un vegliardo magari vagamente rintronato, ma l’impressione √® che Eshed sia ancora ben presente a s√© stesso nonostante le tesi possano apparire blisacche ai pi√Ļ), ma per il ruolo ricoperto merita se non altro di essere ascoltato. Detto che della questione se n’√® occupato anche SkyTg24 e che proprio mentre sto scrivendo c’√® un lancio dell’agenzia Adnkronos, vi rimando a un articolo ben documentato e ben scritto (lo trovate a questo link) che racconta la genesi e il contenuto dell’intervista. L’intervento originario, in ebraico, √® uscito sul giornale Yedioth Ahronoth ed √® stato tradotto in inglese dal Jerusalem Post. Eshed tratta temi molto interessanti:¬†l’esistenza di una¬†Federazione Galattica, contattata pure dagli israeliani; Trump che sa tutto e che √® stato vicino a parlare; gli Alieni che hanno chiesto per ora di lasciar perdere, non essendo l’umanit√† ancora pronta a recepire una novit√† tanto cruciale; la presenza di una base extraterrestre nel sottosuolo marziano; il concetto che gli Alieni stanno indagando su di noi per arruolarci un giorno nella missione di comprendere meglio l’universo; l’ammissione che per arrivare a questo hanno dovuto e stanno facendo esperimenti (ecco allora spiegati rapimenti e IR4). Insomma, se fosse vero anche solo in parte, sarebbe una bella “bombetta”. Qualcuno ha per√≤ obiettato: perch√© un tipo che per anni ha gestito compiti tanto delicati si mette a parlare proprio adesso? Beh, perch√© prima di sicuro non poteva e poi perch√© a volte esiste anche chi rompe le consegne e le regole. Magari Haim Eshed √® il Bob Lazar israeliano…¬† Post scriptum: per chi non lo sapesse, il mio coetaneo Lazar¬† √® il colui che un bel giorno raccont√≤ quello che vide e che fece quando lavorava all’Area 51, beccandosi per questo insulti, discredito e tante altre “belle” cose.


Data articolo: Wed, 09 Dec 2020 19:12:43 +0000
Youtube
Cinegiornale bUFO / 65 ‚Äď I 40 anni dalla morte di John Lennon, il Beatle che avvist√≤ un Ufo a New York parlandone poi in una canzone
Quarant’anni fa, l‚Äô8 dicembre del 1980.veniva assassinato John Lennon, uno dei grandi della musica moderna. Ecco un’ intervista rilasciata dall’ex dei Beatles in occasione del suo avvistamento di un disco volante su NewYork: accadde nel 1974 e tanti forse non sanno che quell’evento fu inserito dall’artista nella canzone (uscita postuma) “Nobody told me”. Mi √® […]

Clicca qui per vedere il video incorporato.

Quarant’anni fa, l‚Äô8 dicembre del 1980.veniva assassinato John Lennon, uno dei grandi della musica moderna. Ecco un’ intervista rilasciata dall’ex dei Beatles in occasione del suo avvistamento di un disco volante su NewYork: accadde nel 1974 e tanti forse non sanno che quell’evento fu inserito dall’artista nella canzone (uscita postuma) “Nobody told me”. Mi √® sembrato giusto cos√¨ ricordare questo episodio che inserisce Lennon nella lista (tutt’altro che breve) di personaggi di spicco che possono dire di aver avvistato qualcosa di strano nel cielo. Il filmato, in inglese ma assolutamente comprensibile anche da chi ha una conoscenza non avanzata della lingua, √® tratto da Youtube. Curiosit√† aggiuntiva, segnalatami dall’interessato: Vladimiro Bibolotti, oggi presidente emerito del Cun, √® un esperto e appassionato di Beatles: il video-promo del brano Free as a bird fu registrato a casa sua a Roma.


Data articolo: Tue, 08 Dec 2020 19:47:18 +0000
Vague Belge
Un Ufo ‚Äúcubo‚ÄĚ a 12 mila metri come quello della Colombia, uno triangolare che sbuca dall‚ÄôAtlantico: svelati due documenti della task force varata dal Pentagono
Nel cielo della Colombia di recente √® stato avvistato un oggetto a forma di trottola, che si muoveva in maniera a dir poco originale e di sicuro non in modo conforme rispetto alle nostre conoscenze in tema di aerodinamica. Non √® stato identificato, dunque tecnicamente √® un Ufo. Adesso sappiamo che qualcosa di molto simile […]

36418696-9015711-image-m-31_1607032431144Nel cielo della Colombia di recente √® stato avvistato un oggetto a forma di trottola, che si muoveva in maniera a dir poco originale e di sicuro non in modo conforme rispetto alle nostre conoscenze in tema di aerodinamica. Non √® stato identificato, dunque tecnicamente √® un Ufo. Adesso sappiamo che qualcosa di molto simile compare nei report della task force istituita dal Ministero della Difesa degli Stati Uniti per analizzare i cosiddetti Fenomeni Aerei non Identificati (che in realt√† √® una formula pi√Ļ ipocrita per definire proprio gli Ufo, alias oggetti volanti non identificati secondo la traduzione in italiano). In particolare sono due i documenti pi√Ļ significativi trapelati (sarebbe interessante capire ad opera di chi): uno risale al 2018, uno alla scorsa estate; entrambi contengono foto prese dai cockpit di jet militari dove appaiono ‚Äúcose‚ÄĚ piuttosto strane. Uno delle foto (pubblicate da The Debrief, mentre l‚Äôarticolo in Europa √® stato ripreso per primo dal sito on line del Daily Mail) ritrae una sorta di cubo argentato che staziona a 35 mila piedi (12 mila metri circa) sopra l‚ÄôOceano Atlantico. La seconda, invece, documenta un oggetto a forma triangolare ‚Äď sagoma ricorrente negli avvistamenti Ufo, basti pensare a quelli della famosa ondata degli anni 90 in Belgio ‚Äď e il pilota del caccia nel rapporto ha sostenuto che era come se fosse sbucato dal mare. Queste foto sono primizie assolute e non erano mai circolate. ‚ÄúLe immagini e gli altri documenti sono straordinari e danno alla gente la possibilit√† di sbirciare oltre il sipario che gli Usa hanno piazzato per coprire la loro attivit√† investigativa sugli Ufo‚ÄĚ ha commentato Nick Pope, personaggio molto noto nel mondo dell‚Äôufologia perch√© per anni √® stato consulente del Ministero britannico della Difesa proprio su questo argomento. Secondo Pope l‚Äôesistenza dei dossier e soprattutto la decisione di avviare una task force d‚Äôindagine confermano che gli americani hanno deciso di prendere in maggiore considerazione rispetto al passato il fenomeno degli Ufo. Ed √® un po‚Äô la conseguenza inevitabile del ‚Äúpunto alfa‚ÄĚ della vicenda: ovvero le dichiarazioni con le quali Luis Elizondo, ex funzionario dell‚ÄôIntelligence a stretto contatto con i ‚Äúpiani alti‚ÄĚ dell‚Äôestablishment Usa, nel 2017 ha svelato gli avvistamenti dei piloti degli F-18 della Us Navy (con tanto di video) e altri ¬†fenomeni verificatisi in vari anni. Tornando al ‚Äúcubo‚ÄĚ dell‚ÄôAtlantico, le voci ufficiali si sono affrettate a sostenere che si tratta di un pallone sonda di quelli usati per seguire l‚Äôandamento degli uragani. Piccolo particolare: l‚Äôoggetto non sembra essere dotato di un Gps (la cui forma sarebbe ben visibile), a differenza di quelle sonde. E l‚ÄôUfo triangolare che sbuca dall‚ÄôOceano alimenta una tesi che trova seguito da anni: gli Alieni potrebbero operare da basi sotto i mari. ‚ÄúLa possibilit√† che si tratti di oggetti extraterrestri ‚Äď sottolinea Nick Pope ‚Äď non pu√≤ essere esclusa da nessuno. Penso anche che presto ci saranno nuove rivelazioni‚ÄĚ. Come dire: il domino √® solo all‚Äôinizio.

 


Data articolo: Fri, 04 Dec 2020 13:32:22 +0000
Utah
Mistero dei monolite, atto III: dopo quello dello Utah, è sparito pure quello della Romania
Aggiornamento fresco-fresco: pure il monolite del lago Batca Doamnei, nei pressi della citt√† di Piatre Neamt, √® scomparso all’improvviso. Lo ha scritto il Daily Telegraph supportando la cosa con una foto pubblicata da quotidiani online rumeni: la colonna non c’√® pi√Ļ. La conferma della sparizione √® stata poi confermata dal sindaco di quella localit√† ad […]

Aggiornamento fresco-fresco: pure il monolite del lago Batca Doamnei, nei pressi della citt√† di Piatre Neamt, √® scomparso all’improvviso. Lo ha scritto il Daily Telegraph supportando la cosa con una foto pubblicata da quotidiani online rumeni: la colonna non c’√® pi√Ļ. La conferma della sparizione √® stata poi confermata dal sindaco di quella localit√† ad alcuni giornalisti. Di fatto la dinamica √® simile a quella del monolite dello Utah: apparizione, clamore mediatico, sparizione. In questo caso, peraltro, il monolite – molto meno bello e d’impatto rispetto a quello americano – ha richiamato un interesse minore. Mentre su quello dello Utah rimangono degli interrogativi affascinanti, in questo caso mi sento di dire che fosse un tarocco per sfruttare l’onda mediatica dell’altro avvistamento. Resta da capire se siamo di fronte a una moda e se, dato che non c’√® il due senza il tre, ce ne dobbiamo aspettare un altro a breve da qualche parte nel mondo.

1_pay-newsflash-metalmonolithromania-06_ori_crop_MASTER__0x0Delle due, l’una: o √® diventata una moda di artisti, o di burloni, o di perdigiorno,, e da qui in poi aspettiamoci varie repliche, oppure gli Alieni si stanno divertendo. Mi riferisco alla vicenda del monolite, anzi a questo punto “dei” monolite perch√© dopo quello dello Utah, che ha subito fatto tornare alla mente la struttura nera e lucidissima di 2001 Odissea nello Spazio, ne √® comparso uno in Romania. Come noto, il primo, quello che ha scatenato un can can planetario, √® scomparso all’improvviso: l’avevano scoperto quelli della guardia forestale dello stato americano, impegnati a controllare con un elicottero la popolazione delle pecore. Ma il parallelepido che ha incuriosito tutti √® stato rimosso due giorni fa. Anche qui, il mistero della sparizione non √® meno forte di quello dell’avvento. In compenso, dicevo, adesso ce n’√® uno (anche se un po’ diverso e molto meno liscio dell’altro) sulle colline del¬†¬†lago rumeno di Batca Doamnei. La prospettiva che siamo di fronte a un manufatto di qualche furbo, che ha fiutato il riscontro mediatico e magari qualche affare, √® forte. Per√≤ mai dire mai…: io tifo ovviamente per gli Alieni… Comunque a questo link trovare l’articolo del collega Alessio Lana che su Corriere.it ha ben riassunto le due storie.


Data articolo: Tue, 01 Dec 2020 15:26:41 +0000

Le notizie su scuola, scienze, tecnologia, ambiente

Scuola, istruzione, Ministero istruzione, ricerca

Video Superquark RAI News educazione e scuola da edscuola.eu News da MIUR MIUR Comunicati MIUR Atti di notifica News da orizzontescuola.it News da FLC CGIL News da USR per la Lombardia News da USR per la Sicilia News da CNR News Universita' News istruzione Lombardia

Hi-tech, tecnologia,

News Vita digitale Ultimi video da Coisa de Nerd (portoghese) News Tecnologia da ANSA News sul software da software.it News da punto-informatico.it News download hwupgrade.it

Ambiente, agricoltura, scienze

Provvedimenti Ministero Ambiente News da lescienze.it News ricerche da lescienze.it News agricoltura da lescienze.it News alimentazione da lescienze.it News da agrifoodtoday News animali da lescienze.it News clima da lescienze.it News Agricoltura topic.it News cambiamento il cambiamento.it Ultimi video WWF Italia News da ambientebio.it News Ambiente da lifegate News per gli amanti delle actions figures