Coronavirus in Italia e nel mondo

NEWS - scuola istruzione scienze ambiente tecnologia


News sul software da ilsoftware

#software #programmi #ilsoftware.it

News
MSI presenta il suo primo SSD PCIe 4.0 NVMe: quasi 7 GB/s in scrittura
Data articolo:Fri, 15 Jan 2021 18:33:00 +0200

MSI ha presentato in occasione del CES 2021 la sua prima unità SSD PCIe 4.0 NVMe. L'azienda taiwanese è nota per le sue schede madri e le schede grafiche ed è tra le prime realtà al mondo per i notebook gaming. È proprio di questi giorni l'annuncio di un rinnovamento delle serie Stealth, Leopard, Thin e Creator.

Il nuovo SSD PCIe 4.0 NVMe di MSI utilizza memoria flash TLC NAND promettendo fino a 7.000 / 6.900 MB/s in lettura e scrittura, alla pari con i migliori prodotti dello stesso segmento che vede in evidenza modelli come il WD_BLACK SN850 e il Samsung 980 PRO.

MSI non ha fornito molte informazioni tecniche sulla sua unità a stato solide: ad esempio non conosciamo il produttore di due componenti chiave quali sono i chip di memoria e il controller. come le memorie e il controllore. Sappiamo soltanto che il dissipatore sarà di dimensioni importanti con un design che ricorda da vicino quello scelto per le schede grafiche della stessa azienda.


Certamente saranno messi in commercio modelli di capienza fino a 4 TB e sebbene MSI non sia propriamente uno 'specialista' per quanto riguarda lo storage dei dati, potrebbe utilizzare un approccio che mira a una piena integrazione con il suo ecosistema proponendo kit composti da motherboard, scheda video e unità SSD.

Maggiori informazioni tecniche arriveranno in seguito anche se è ormai chiaro che sempre più produttori stanno salendo sul treno PCIe 4.0 per lo storage.
News
DisplayPort 2.0 in arrivo con il supporto per i monitor fino a 16K
Data articolo:Fri, 15 Jan 2021 15:10:00 +0200

DisplayPort 2.0 è la nuova versione dell'interfaccia per il collegamento di monitor di ultima generazione e per il trasporto di contenuti audio e video sullo stesso cavo.
Il lancio era previsto per il 2020 ma la pandemia da Coronavirus ha impedito a VESA, organismo che si è occupato dello sviluppo, di organizzare eventi con ingegneri e produttori hardware per discutere, modificare e decidere l'implementazione finale dello standard.

VESA ha comunicato che a questo punto prevede di accelerare il lancio di DisplayPort 2.0 nel corso del 2021 (forse già in primavera) e prevede che i primi prodotti compatibili potrebbero arrivare entro fine anno.

Mentre lo standard HDMI 2.1 si ferma a 48 Gbps, con DisplayPort 2.0 si potranno muovere dati fino a circa 77 Gbps con la possibilità di spingersi a risoluzioni più elevate (con supporto HDR) e con le frequenze di refresh che potranno crescere ancora.
DisplayPort 2.0 amplierà anche la gamma di colori, supporta l'utilizzo di cavi in fibra ottica come alternativa al rame oltre alla tecnologia multischermo Multi-Stream Transport (MST) che per via di come HDMI è stato progettato non è possibile da replicare.
Ne parliamo nell'articolo DisplayPort, le differenze tra le varie versioni


Diversi produttori hanno i nuovi monitor DisplayPort 2.0 attualmente in fase di sviluppo ma non hanno concludere l'attività proprio in forza dell'impossibilità di intrattenere incontri con VESA.

Con DisplayPort 2.0 si possono ad esempio utilizzare:

  • Un monitor 16K (15360 x 8640) a 60 Hz, 30 bit con HDR (4:4:4), DSC
  • Un monitor 10K (10240 x 4320) a 60 Hz, 24 bit (4:4:4) senza compressione
  • Due monitor 8K (7680 x 4320) a 120 Hz, 30 bit con HDR (4:4:4), DSC
  • Due monitor 4K (3840 x 2160) a 144 Hz, 24 bit (4:4:4) senza compressione
  • Tre monitor 10K (10240 x 4320) a 60 Hz, 30 bit con HDR (4:4:4), DSC
  • Tre monitor 4K (3840 x 2160) a 90 Hz, 30 bit con HDR (4:4:4) senza compressione

La sigla DSC (Display Stream Compression) fa riferimento allo standard di compressione che permette di trasportare flussi video UHD usando una singola interfaccia ad alta velocità senza una visibile perdita di qualità.
La maggior parte delle funzionalità di DisplayPort 2.0 sarà offerta grazie a DisplayPort Alt Mode, una delle modalità aggiuntive che possono essere utilizzate su connettore USB Type-C grazie al supporto dello standard USB 4.0..
News
Samsung Blade Bezel: primo notebook con una fotocamera nascosta
Data articolo:Fri, 15 Jan 2021 11:10:00 +0200

Dopo i primi progetti portati avanti da ZTE e Oppo, cominciarono a circolare voci che indicavano come anche Samsung si stesse preparando per l'arrivo sul mercato di uno smartphone dotato di una fotocamera posizionata al di sotto del display.

Durante il CES 2021 la società sudcoreana ha presentato un video che mostra l'idea alla base di Blade Bezel un dispositivo che userà una fotocamera posta sotto lo schermo ma che, a sorpresa, non è uno smartphone bensì un portatile.

Sembra quindi che i tecnici di Samsung abbiano scelto di mettere a prova la nuova fotocamera nascosta sotto lo schermo utilizzando un notebook dotato di un pannello OLED, con cornici drasticamente ridotte che portano il rapporto screen-to-body al 93%. Lo spessore viene mantenuto ad appena 1 mm mentre il peso è pari a 130 grammi.

Sfortunatamente il video pubblicato da Samsung svela soltanto qualche dettaglio non offrendo alcuna indicazione sulle specifiche hardware del sistema, sulla data di uscita e sul prezzo del dispositivo.



Perché concentrarsi su un notebook piuttosto per portare la nuova tecnologia nei suoi smartphone di punta?
La spiegazione potrebbe essere molto semplice: la qualità degli scatti prodotti dalle fotocamere poste al di sotto di un display è solitamente inferiore rispetto a quella assicurata dalle soluzioni più tradizionali.
Trattandosi di un prodotto di prima generazione e considerato che le webcam dei portatili sono di solito basate sull'utilizzo di sensori significativamente più piccoli (Webcam portatile: verificarne il funzionamento in Windows 10), un notebook deve essere stato valutato da Samsung come un buon banco di prova per verificare i progressi sin qui compiuti senza compiere alcun passo falso in ambito smartphone.

Samsung Blade Bezel è comunque in fase di sviluppo e non si dovrebbe parlare neppure lontanamente di un lancio sul mercato almeno non prima di inizio 2022..
News
L'amministrazione Trump aggiunge anche Xiaomi alla lista nera
Data articolo:Fri, 15 Jan 2021 09:14:00 +0200

Il Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti (DoD) ha deciso di aggiungere anche Xiaomi alla 'lista nera' delle società cinesi. Come peraltro già avvenuto nel caso di Huawei, quindi, nessun soggetto USA potrà più investire su Xiaomi e chi detenesse quote azionarie in Xiaomi sarà costretto a cederle.

Secondo il DoD Xiaomi avrebbe sviluppato collegamenti diretti con il governo e l'esercito cinesi, un comportamento che viene considerato come gravemente lesivo degli interessi del Paese a stelle e strisce oltre che un potenziale pericolo per la sicurezza nazionale.

Per Xiaomi il danno è grave: una delle aziende più in forte crescita negli ultimi anni, con una presenza sempre più diffusa in Occidente, viene adesso posta sullo stesso piano di Huawei e di altre realtà cinesi, tra le quali DJI, SenseTime e SMIC, il più grande produttore di chip di Shanghai.

Xiaomi non si trova ad affrontare le restrizioni commerciali di Huawei ma la situazione può diventare molto complicata: le grandi aziende tecnologiche come Qualcomm dovranno infatti vendere le loro partecipazioni in Xiaomi e sebbene la cosa non sia per ora vietata, sarà più difficile fornire chip e in generale componenti hardware all'azienda cinese.

Il presidente uscente, Donald Trump, ha voluto lasciare la Casa Bianca lanciando un'ultima dura iniziativa contro le realtà cinesi senza però condividere prove a sostegno della tesi che fa riferimento a presunte minacce alla sicurezza nazionale.

Il presidente eletto Joe Biden, almeno stando alle informazioni sin qui trapelate, dovrebbe attenuare lo scontro frontale con la Cina ma l'attuale visione di Pechino come rivale strategico per gli USA difficilmente cambierà.
News
Architettura RISC-V alla portata di tutti con la nuova scheda BeagleV
Data articolo:Thu, 14 Jan 2021 16:01:00 +0200

L'architettura RISC-V, basata su un'ISA (instruction set architecture) pubblicata come progetto opensource (a differenza ad esempio di x86: x86, le origini dell'architettura: perché è feudo di Intel e AMD), è da molti ritenuta come il punto di riferimento per lo sviluppo di chip intelligenti utilizzabili a qualunque livello. E se il design ARM rappresenta la minaccia più immediata per aziende quali Intel e AMD (anche se la società di Sunnyvale starebbe già lavorando a un SoC basato proprio sull'architettura ARM: AMD lavora a un SoC alternativo all'Apple M1: CPU, GPU e DRAM integrate in un unico pacchetto), in ottica futura RISC-V potrebbe di nuovo sparigliare le carte. Nell'articolo Cos'è RISC-V e perché tutti ne parlano abbiamo visto perché.

RISC-V diventa per tutti: ecco la scheda BeagleV

Ispirandosi al modello Raspberry, BeagleV è un nuovo single-board computer basato su architettura RISC-V che vuole presentarsi come un'alternativa allo status quo x86-ARM.


La prima scheda Raspberry Pi lanciata quasi un decennio fa ha dato il via a una vera rivoluzione nel mercato dei dispositivi più economici e nel mondo dell'Internet delle Cose (IoT).
News
Windows 10 potrebbe non avviarsi più soltanto accedendo a una cartella
Data articolo:Thu, 14 Jan 2021 15:24:00 +0200

Windows 10 soffre di una vulnerabilità al momento irrisolta che potrebbe essere causa di perdite di dati: un ricercatore spiega che un semplicissimo comando, eseguito anche da un account utente dotato di privilegi limitati, può in alcuni casi provocare la corruzione del file system NTFS inibendo l'accesso ai dati e in alcuni casi impedendo anche il corretto avvio del sistema operativo.
Nei casi meno gravi, dopo la comparsa di un messaggio d'errore, Windows non risulterà temporaneamente avviabile.

Il problema era stato scoperto a ottobre 2020 ma ad oggi i tecnici Microsoft non hanno ancora provveduto a rilasciare un aggiornamento correttivo. Tanto che l'autore dello studio torna sulla tematica parlando di un bug critico e sottovalutato.



Nell'articolo NTFS, trucchi e segreti del file system più usato con Windows abbiamo provato ad accendere un faro sulle caratteristiche meno conosciute del file system NTFS.

L'attributo $i30 di NTFS viene automaticamente gestito e mantenuto dal file system a livello di ogni singola cartella.
News
Microsoft risolve una vulnerabilità in Secure Boot
Data articolo:Thu, 14 Jan 2021 10:55:00 +0200

Secure Boot è una delle funzionalità che sono state introdotte nei BIOS UEFI: si tratta di uno strumento che permette di evitare il caricamento di programmi non autorizzati all'avvio del computer.
La presenza di una firma digitale valida all'interno del software che si sta avviando o installando al boot viene automaticamente verificata. Gli elementi sprovvisti di firma o dotati di una firma sconosciuta oppure non valida vengono invece bloccati: ne parliamo nell'articolo Come verificare se Secure Boot è abilitato.

Di recente è emerso che utilizzando software caricati al boot del sistema e congegnati in maniera tale da fare leva sulla vulnerabilità in Secure Boot era ed è ancor oggi possibile eseguire software arbitrario sprovvisto di una firma digitale valida.

Con un aggiornamento al database DBX (Secure Boot Forbidden Signature Database) applicabile installando la patch KB4535680 appena rilasciata da Microsoft è possibile impedire il caricamento di elementi potenzialmente dannosi all'avvio della macchina.

Il problema risolvibile mediante l'installazione dell'aggiornamento riguarda Windows 10 releases (dalla release 1607 alla 1909), Windows 8.1, Windows Server 2012 R2 e Windows Server 2012.
News
Monitor Xiaomi Redmi 1A IPS Full HD da 23,8 pollici disponibile per l'Italia
Data articolo:Thu, 14 Jan 2021 09:01:00 +0200

Arriva in Italia il monitor Xiaomi Redmi 1A da 23,8 pollici in offerta a 127,49 euro soltanto per alcuni giorni.

Si tratta di un dispositivo che supporta risoluzione 1080p (FullHD 16:9) con frequenza di refresh pari a 60 Hz. Il pannello è di tipo IPS, assicura un angolo visivo di 178° e include porte HDMI e VGA, entrambe poste sul retro. Purtroppo manca una DisplayPort ma in questo caso Xiaomi ha voluto puntare soprattutto sul design del monitor.

Xiaomi Redmi 1A, infatti, ha uno spessore pari a soli 7,3 millimetri e utilizza cornici ridotte ai minimi termini. La cornice superiore e quelle laterali non arrivano nemmeno a un millimetro mentre quella inferiore è un po’ più ampia.


Il filtro luce blu, eventualmente attivabile accedendo al menu del monitor, aiuta a proteggere la vista rendendo il monitor confortevole da utilizzare anche dopo molte ore di lavoro a casa o in ufficio.
News
Cos'è un attacco watering hole e quali sono i pericoli che Google ha individuato in Windows, Android e Chrome
Data articolo:Wed, 13 Jan 2021 18:12:00 +0200

Il team di Google Project Zero ha appena pubblicato una dettagliata analisi, suddivisa in sei parti, di ciò che è successo nei mesi scorsi.
Si parla di un'aggressione sofisticata che i tecnici dell'azienda di Mountain View hanno rilevato a inizio 2020.

Un gruppo di criminali informatici avrebbe messo in atto un efficace attacco watering hole.
Si chiamano così quelle particolari aggressioni che sfruttano un effetto sorpresa.
Usando una semplice similitudine, se qualcuno è solito bere attingendo l'acqua da un pozzo, un criminale potrebbe avvelenare l'acqua per fare del male a coloro che provassero a dissetarsi.

In campo informatico il criminale aggredisce un'applicazione, un sito web o un servizio tipicamente utilizzato dalla vittima e attende che il vero bersaglio si infetti a sua volta usando uno degli strumenti attaccati in precedenza.

Da Google Project Zero si spiega che è stata utilizzata una catena di codici exploit basati sia su zero-day che su n-day ovvero, rispettivamente, problematiche di sicurezza sconosciute in precedenza agli sviluppatori software e vulnerabilità già corrette con la distribuzione di apposite patch che però continuano a essere utilizzate dagli aggressori.

Google spiega che sono state contemporaneamente utilizzate:

  • Quattro bug di Google Chrome relativi al rendering delle risorse presenti nelle pagine Web.
News
Da febbraio Bob Swan non sarà più CEO di Intel: chi arriverà al suo posto
Data articolo:Wed, 13 Jan 2021 17:39:00 +0200

Dopo le dimissioni di Brian Krzanich, a fine giugno 2018 l'allora CFO (chief financial officer) di Intel Bob Swan fu nominato amministratore delegato ad interim dell'azienda. Diventò poi CEO con pieni poteri sette mesi dopo, a gennaio 2019.
Con Swan al timone si ricordano diverse 'frizioni' con alcuni elementi di spicco dell'azienda (forse tra le ultime quella con Jim Keller che ha lasciato Intel a giugno 2020) tanto che investitori di primo piano hanno chiesto alla società di Santa Clara un deciso 'cambio di rotta': Third Point auspica un deciso cambio di rotta per Intel.

La novità, confermata ufficialmente da Intel in un comunicato, è che Bob Swan lascerà il suo ruolo il prossimo 15 febbraio e verrà sostituito da Pat Gelsinger, attuale CEO di VMware.
Appresa la notizia, le azioni di Intel sono immediatamente cresciute di un 10%: un segnale che conferma ancora una volta da che parte stanno gli investitori e la direzione verso la quale guarda il mercato.

Gelsinger, che in precedenza aveva lavorato in Intel per ben 30 anni, assumerà il delicato ruolo di CEO in un momento cruciale per il produttore di chip.
News
TeamViewer integra la soluzione per le videoconferenze Meeting
Data articolo:Wed, 13 Jan 2021 14:57:00 +0200

TeamViewer è una delle soluzioni più note e apprezzate per il controllo a distanza di sistemi Windows, macOS, Linux, Android, iOS, Chrome OS, Raspberry Pi, macchine e robot industriali.
Il software di base è disponibile in versione gratuita, con alcune limitazioni, per utilizzi in ambiti non commerciali. TeamViewer contra poi circa 550.000 clienti abbonati permettendo ai professionisti e alle imprese di tutte le dimensioni e di tutti i settori di digitalizzare i loro processi aziendali grazie alla connettività senza interruzioni.

Oggi è stato annunciato l'introduzione del supporto per TeamViewer Meeting, la piattaforma per le videoconferenze che d'ora in avanti risulta direttamente integrata nel programma per il supporto remoto.

Interessante il fatto che TeamViewer Meeting venga messo gratuitamente a disposizione anche agli utenti non paganti: il numero dei partecipanti sarà limitato a cinque mentre gli utenti in abbonamento potranno organizzare meeting con un massimo di dieci persone.
I pacchetti opzionali consentiranno agli utenti di estendere il numero dei partecipanti fino a 50, 100 o 300.

Scaricando l'ultima versione di TeamViewer (che può essere utilizzata anche in modalità stand alone, senza installazione, scegliendo l'opzione Avviare soltanto), è possibile non soltanto controllare a distanza qualunque sistema (ricordiamo che da qualche tempo è stata introdotta la possibilità di interagire direttamente con i dispositivi Android remoti: TeamViewer: controllo remoto completo esteso a tanti dispositivi Android) ma anche avviare una videoconferenza.

La funzionalità integrata nel client per il controllo remoto è in grado di collegarsi anche con l'app TeamViewer Meeting disponibile come prodotto a sé anche per Android e iOS.
I dati vengono crittografati in modalità end-to-end in maniera tale che anche le informazioni scambiate tra una persona e l'altra durante le videoconferenze non possano essere monitorare e modificate da parte di terzi.

Tra le caratteristiche avanzate di TeamViewer Meeting la possibilità di avviare riunioni immediate a partire dalla lista dei contatti, usare video in alta definizione (HD), condividere lo schermo 4K (anche in configurazione multi-monitor), integrare Outlook, registrare le conversazioni online e proteggere le videoconferenze con una password per evitare l'accesso da parte di soggetti non autorizzati.
News
Esodo da WhatsApp: Telegram supera i 500 milioni di utenti
Data articolo:Wed, 13 Jan 2021 11:44:00 +0200

Sebbene WhatsApp si sia affrettata a chiarire l'impatto delle modifiche alla privacy policy per gli utenti europei (vedere Avviso privacy WhatsApp: cosa cambia davvero e cosa non viene detto) cercando di gettare acqua sul fuoco, tanti utenti hanno comunque deciso di attivarsi per migrare ad applicazioni di messaggistica alternative come Telegram e Signal.

Di entrambe abbiamo già parlato più volte: vedere Telegram compie sette anni e lancia le videochiamate e Signal, l'app di messaggistica che avrebbe consigliato anche la Commissione Europea.

L'impatto dei cambiamenti annunciati da WhatsApp ha avuto come risultato un esodo verso piattaforme come Telegram e Signal, cresciute in questi giorni a un ritmo mai osservato in precedenza.

Telegram ha superato i 500 milioni di utenti attivi: non è una grande sorpresa dato che già qualche settimana fa l'app di messaggistica ideata da Pavel Durov si stava avvicinando all'importante traguardo.
News
Arriva il patch day Microsoft di gennaio: le vulnerabilità più pericolose
Data articolo:Wed, 13 Jan 2021 10:37:00 +0200

Come ogni secondo martedì del mese Microsoft ha rilasciato una serie di aggiornamenti di sicurezza per Windows e per gli altri suoi prodotti software.
A gennaio 2021 i tecnici dell'azienda di Redmond hanno complessivamente risolto 83 problematiche di sicurezza e una falla zero-day.

Per quanto riguarda lo zero-day (CVE-2021-1647) viene fatto riferimento a un problema scoperto in Microsoft Defender che può portare all'esecuzione di codice arbitrario sul sistema dell'utente.
La stessa società conferma che l'esecuzione di codice può avvenire anche in modalità remota (si tratta di una falla RCE, Remote Code Execution) nel momento in cui il motore di Microsoft Defender dovesse trovarsi a esaminare contenuti malevoli, appositamente progettati per far leva sulla vulnerabilità di sicurezza.

Il quadro è complicato dal fatto che in rete si trovano già diversi codici PoC (proof-of-concept) che fanno leva sul problema adesso corretto.

Per mettersi al riparo da qualunque rischio di aggressione è importante verificare l'utilizzo del Microsoft Malware Protection Engine versione 1.1.17700.4 o successiva: basta digitare Sicurezza di Windows nella casella di ricerca, fare clic su Impostazioni in basso a sinistra (icona ingranaggio) e poi su Informazioni su.
News
AMD presenta i suoi nuovi processori Ryzen 5000 per i portatili
Data articolo:Tue, 12 Jan 2021 20:01:00 +0200

AMD sta via a via aggredendo i vari segmenti di mercato con i suoi processori Ryzen e i dati che fotografano la diffusione dei processori della società di Sunnyvale nell'ultimo trimestre lo confermano: Mercato: i processori desktop di AMD superano per la prima volta in 15 anni quelli di Intel.

Nel corso del 2020 AMD aveva presentato i Ryzen 4000 per il mercato dei notebook ma la loro disponibilità è rimasta sempre piuttosto scarsa e l'azienda, diversamente da quanto avvenuto nel caso del mercato desktop, non è stata in grado di farsi largo.

Con l'annuncio dei Ryzen 5000 al CES 2021 qualcosa potrebbe iniziare a cambiare: Lisa Su, amministratore delegato di AMD, ha dichiarato che quest'anno arriveranno sul mercato più di 150 progetti di notebook con il Ryzen 5000.


I nuovi processori sono suddivisi in quelli per uso generale, con i suffissi U e H, e quelli destinati al settore gaming, contraddistinti dal nuovo suffisso HX.
News
Exynos 2100, il nuovo SoC Samsung per gli smartphone top di gamma. Nel 2022 GPU RDNA 2
Data articolo:Tue, 12 Jan 2021 19:40:00 +0200

Al CES 2021 Samsung ha presentato il suo nuovo SoC Exynos 2100, il top di gamma che costituirà il cuore del Galaxy S21 5G il cui lancio è previsto per il 14 gennaio.

Dopo le tante indiscrezioni che si sono susseguite nel corso degli ultimi mesi, oggi sono arrivate dai portavoce di Samsung tutte le conferme che attendevamo.
Exynos 2100 è realizzato ricorrendo a un processo produttivo a 5 nm ed è il chip più potente mai progetto prima d'oggi dalla società sudcoreana.

Come previsto, il Samsung Exynos 2100 include un processore a otto core, monta una GPU all'avanguardia e dispone di un modem 5G. Supporta inoltre soluzioni all'avanguardia per gestire i sensori fotografici oltre alle soluzioni di storage più evolute e performanti (UFS 3.1 e 2.1).


Gli otto core del processore sono suddivisi in tre blocchi: un core Cortex-X1 ad alte prestazioni che funziona a 2,9 GHz è affiancato con tre core Cortex-A78 a 2,8 GHz e quattro Cortex-A55 a 2,2 GHz.

La GPU Mali-G78 MP14 consta di 14 core grafici ed è descritta come in grado di gestire fino a 26 TOPs (26.000 miliardi di operazioni al secondo), performance eccezionali anche in vista del supporto degli algoritmi di intelligenza artificiale.

Compatibile con la memoria LPDDR5, il SoC permette di ottenere una larghezza di banda massima pari a 51,2 GB/s.
News
Google Voice: cos'è, come funziona e quali sono le alternative
Data articolo:Tue, 12 Jan 2021 15:11:00 +0200

Google Voice è un servizio dell'azienda di Mountain View che esiste da anni ma che di fatto era sfruttato soltanto dagli utenti residenti negli Stati Uniti.
In Italia diventa però da oggi possibile usare numeri geografici con prefisso internazionale +39, a patto però di disporre di un account Google Workspace a pagamento (vedere questa pagina di supporto).

Google Voice è il tentativo di creare un 'servizio convergente' per rispondere alle telefonate in arrivo ed effettuare chiamate, con lo stesso numero telefonico, ovunque ci si trovi.
Il servizio offre la possibilità di inoltrare le chiamate ricevute su Google Voice ad altri numeri aziendali o personali in modo da smistarle sulla base di specifiche regole.

Tramite il pannello di configurazione di Google Voice si possono definire i numeri verso i quali devono essere smistate le chiamate in arrivo e specificare se più terminali devono eventualmente squillare contemporaneamente.
News
CES 2021, Intel presenta in nuovi processori Core H, Rocket Lake-S, Alder Lake, Jasper Lake e vPro
Data articolo:Tue, 12 Jan 2021 12:51:00 +0200

La presentazione di Intel nel corso del CES 2021 era attesa con particolare interesse: la società di Santa Clara non ha deluso le aspettative presentando quattro piattaforme che fungeranno da base per oltre 500 nuovi progetti di PC che debutteranno nel corso di quest'anno.

Più di 50 diversi processori saranno lanciati da Intel nel 2021, tra cui la serie Core H per i notebook, i Rocket Lake-S per i desktop, la nuova serie N con modelli Pentium e Celeron per istruzione e didattica, i nuovi Core vPro per i computer aziendali (citati nell'articolo Intel aggiunge la protezione anti ransomware ai processori Core vPro) e gli ibridi Alder Lake.

Processori Intel Core H Tiger Lake

I nuovi Core H per i notebook sono varianti ad alte prestazioni dei processori Tiger Lake di undicesima generazione presentati a settembre 2020 ('U' e 'Y' a basso e bassissimo consumo energetico).
I Core H sono progettati per le macchine le cui prestazioni contano di più rispetto ai consumi energetici e alla durata della batteria.


Prodotti usando il processo 10 nm++, che Intel descrive come SuperFin, e utilizzando l'architettura Willow Cove, i Core H Tiger Lake rappresentano un importante salto generazionale soprattutto grazie alla riprogettazione a livello di transistor, a un aumento del 20% delle prestazioni, alla grafica integrata basata su Intel Xe (Gen12), al nuovo controller per la memoria RAM, al supporto per Optane oltre che per le più recenti tecnologie di connettività (PCIe 4.0, Wi-Fi 6 e Thunderbolt 4.0).

Si tratta di processori destinati ai notebook gaming con design sottile fino a 16 mm; si sa già che verranno utilizzati da produttori quali Acer, ASUS, HP, MSI e VAIO.

Intel divide i processore Core H in due gruppi: da un lato gli H35 con TDP pari a 35W e modelli a 4 core fisici e 8 core logici (frequenze di clock fino a 5 GHz).
Inizialmente questa nuova famiglia sarà composta da tre membri: Core i7 (11375H e 11370H), Core i5-11300H con TDP di 28W.


Nel corso dell'anno Intel lancerà un altro gruppo di processori ancora più potenti: gli H45 che avranno un TDP di riferimento pari a 45W.
News
Chrome si collegherà ai siti via HTTPS per impostazione predefinita
Data articolo:Tue, 12 Jan 2021 11:42:00 +0200

Ad ottobre 2020 Google Chrome aveva iniziato a bloccare silenziosamente il download di file via HTTPS causando non pochi mal di testa a quegli utenti che, cliccando su qualche link, non ottenevano alcun risultato (nessun file scaricato, nessun messaggio visualizzato): Chrome blocca i download dei file: cosa succede e come risolvere.

A breve il browser di Google inizierà a forzare l'utilizzo del protocollo HTTPS per impostazione predefinita: lo si apprende dal team di sviluppo di Chromium che sta aggiungendo il nuovo #omnibox-default-typed-navigations-to-https tra i flag (Chrome flags: quali impostazioni avanzate sono le più utili).

Per qualunque sito web, qualsiasi sia l'URL indicato nella barra degli indirizzi dall'utente, Chromium (compresi i browser derivati, quindi ad esempio anche Edge) e Chrome proveranno dapprima a collegarsi con la versione HTTPS.
News
Intel aggiunge la protezione anti ransomware ai processori Core vPro
Data articolo:Tue, 12 Jan 2021 10:41:00 +0200

In occasione del CES 2021 Intel ha annunciato di aver aggiunto il rilevamento dei ransomware basato su hardware nei nuovi processori Core vPro di undicesima generazione.
Si tratta di una novità principalmente destinata ai clienti business che usano i Core vPro su workstation e in generale sui sistemi desktop adoperati in ambito professionale.

I rilevamenti svolti in hardware poggiano sulle tecnologie Threat Detection di Intel (Intel TDT) e Hardware Shield che lavorano direttamente sulla CPU al di sotto di sistema operativo e firmware.

Hardware Shield è una funzione di sicurezza integrata che aiuta a scongiurare l'iniezione di codice dannoso limitando l'accesso alla memoria usata dal BIOS a runtime.
Si tratta di una tecnologia che permette il caricamento dinamico di sistema operativo e hypervisor in un ambiente protetto inaccessibile dal firmware. Essa aiuta anche a verificare che il sistema operativo e gli ambienti virtualizzati siano in esecuzione direttamente sull'hardware Intel.

Intel TDT utilizza un sistema di telemetria in hardware per rilevare in tempo reale attività collegabili a minacce fileless (Rimozione malware: come accorgersi della presenza di minacce fileless), cryptomining, malware polimorfici e ransomware.
News
Avviso privacy WhatsApp: cosa cambia davvero e cosa non viene detto
Data articolo:Mon, 11 Jan 2021 19:39:00 +0200

Nei giorni scorsi avevamo pubblicato la notizia della comparsa del nuovo avviso sulla privacy all'apertura di WhatsApp. Tale messaggio fa riferimento all'introduzione di alcune modifiche ai termini di utilizzo del servizio e all'informativa sulla privacy. WhatsApp fa chiaramente presente che le nuove regole entreranno in vigore dall'8 febbraio 2021 e entro tale data bisognerà accettare i nuovi termini se si vorrà continuare a usare l'applicazione.

In questi giorni tanti utenti hanno rimandando l'accettazione della nuova policy decidendo di valutare il da farsi entro il prossimo 8 febbraio.
Alcune testate si sono affrettate a sentenziare che per gli utenti europei non cambia nulla e altri hanno parlato di fake news la notizia dell'impossibilità di usare WhatsApp senza l'accettazione dei termini presentati in questi giorni.

Calma. L'informativa sulla privacy cui WhatsApp fa riferimento è questa: essa riguarda gli utenti italiani ed è ovviamente diversa, in alcuni punti, rispetto a quella valida ad esempio negli Stati Uniti.

Se si paragona la nuova policy sulla privacy con le versioni precedenti (clic su 'versioni archiviate in alto') si notano alcune differenze.
In generale, preso atto del fatto che il GDPR (Regolamento generale sulla protezione dei dati) è entrato in vigore a maggio 2018, WhatsApp ha ritenuto opportuno chiarire la figura di Facebook, società che detiene la propria dell'applicazione e del network di messaggistica istantanea.

Il GDPR impone infatti l'applicazione del principio di minimizzazione del dato e fissa dei paletti per ciò che riguarda gli ambiti nei quali ci si può muovere per il trattamento.

Le notizie su scuola, scienze, tecnologia, ambiente

Scuola, istruzione, Ministero istruzione, ricerca

Video Superquark RAI News educazione e scuola da edscuola.eu News da MIUR MIUR Comunicati MIUR Atti di notifica News da orizzontescuola.it News da FLC CGIL News da USR per la Lombardia News da USR per la Sicilia News da CNR News Universita' News istruzione Lombardia

Hi-tech, tecnologia,

News Vita digitale Ultimi video da Coisa de Nerd (portoghese) News Tecnologia da ANSA News sul software da software.it News da punto-informatico.it News download hwupgrade.it

Ambiente, agricoltura, scienze

Provvedimenti Ministero Ambiente News da lescienze.it News ricerche da lescienze.it News agricoltura da lescienze.it News alimentazione da lescienze.it News da agrifoodtoday News animali da lescienze.it News clima da lescienze.it News Agricoltura topic.it News cambiamento il cambiamento.it Ultimi video WWF Italia News da ambientebio.it News Ambiente da lifegate News per gli amanti delle actions figures